Condizionatori portatili: vantaggi e utilità


Condizionatori portatili: vantaggi e utilità




Benedetta sia l’aria condizionata, quando fuori ci sono più di 30° e soprattutto un’umidità insopportabile che non consente di sentirsi a proprio agio in casa, o nei luoghi di lavoro, o altrove, in quei 2/3 mesi all’anno in cui il frigorifero sembra l’unico luogo piacevole di ogni ambiente!

Benedetta e ricercata, anche se non proprio tutti la pensano così: da quando è ormai divenuta di utilizzo comune anche fra le mura domestiche, l’aria condizionata (è proprio il caso di dirlo…) “condiziona” i giudizi di molte persone che, pur soffrendo la grande calura estiva, temono i disturbi più tipici provocati da apparecchiature oltremodo refrigeranti, come mal di testa, allergie, torcicollo e dolori articolari vari. Proprio per questo motivo, i condizionatori devono essere usati nel modo più attento possibile, al fine di ottimizzarne i benefici e ridurre gli svantaggi.

È pur vero che un microclima favorevole risulta essere un enorme vantaggio sotto il profilo della produttività e, se si sa ben dosare, persino sotto l’aspetto della salute. Con il giusto equilibrio fra l’eccessiva canicola e il fresco del condizionatore, si può far fronte con la giusta energia agli impegni della giornata, in particolare quelli lavorativi. Inoltre, sicuramente, si riesce a riposare al meglio la notte: vantaggi che diventano fondamentali per alcune categorie di ammalati, come i cardiopatici, che potrebbero correre seri rischi con un clima eccessivamente caldo e umido.

Tutto questo non deve comunque mai andare oltre i fatidici 6 gradi di differenza fra interno ed esterno, indicati dagli esperti come giusta misura per evitare che il condizionatore, da prezioso aiuto, si trasformi in un potenziale attrezzo dannoso per la salute.




E allora, quali condizionatori scegliere per raffrescare al meglio le nostre case, con il rispetto dei parametri che abbiamo appena illustrato? Il mercato ci viene incontro con una vasta gamma di scelta, e questa volta vogliamo prediligere la tipologia più pratica e versatile, vale a dire il condizionatore portatile.

Soprattutto se si ha un’abitazione di ampia metratura, con la necessità, però, di non raffrescarla tutta contemporaneamente ma, anzi, di volta in volta scegliendo l’ambiente, il suggerimento più sensato è l’acquisto di un condizionatore portatile, di cui proviamo ad indicare un breve elenco dei vantaggi e dell’utilità.

Infatti, ormai, a differenza dei vecchi modelli, i portatili moderni hanno molte caratteristiche simili ai loro “fratelli maggiori” fissi, a partire dalla classe energetica, che negli ultimi modelli è “A” se non addirittura “A+”, con tutto ciò che ne consegue se parliamo di risparmio energetico e costi in bolletta.

Inoltre, sempre rispetto ai primi portatili, risalenti ormai a più di una dozzina di anni fa, sono davvero pratici da trasportare da una stanza all’altra, con leggerezza e flessibilità, adatti pertanto a raffreddare qualsiasi ambiente con un facile trasporto, decidendo di spostare anche dopo un tempo non eccessivo l’elettrodomestico, semplicemente per raffrescare se non proprio per raffreddare molto.

Non da sottovalutare, poi, anche il fatto che per utilizzare un condizionatore portatile non c’è necessità di effettuare fori nel muro o nei vetri, poiché è sufficiente un piccolo spiraglio di apertura di un infisso per permettere al bocchettone del tubo di far fuoriuscire l’aria calda, mentre si rinfresca la stanza. Da sapere, infine, che l’apparecchio portatile non ha nulla da invidiare al fisso nemmeno per quanto riguarda il flusso di aria fredda, poiché i modelli di nuova generazione hanno un sistema di diffusione potente e molto silenzioso, elemento importante soprattutto se si utilizza di notte, per almeno addormentarsi al fresco, e ovviamente senza fastidiosi rumori che impedirebbero la serena tranquillità del sonno.

E allora…benvenuta Estate. Al fresco!




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*