Telefonia, Codacons: parte iniziativa contro la fatturazione a 28 giorni


Telefonia, Codacons: parte iniziativa contro la fatturazione a 28 giorni




Sono ormai più di due anni che gli operatori telefonici (e non solo) ricorrono alla fatturazione a 28 giorni: in questo modo i mesi diventano 13, e – tanto per cambiare – i costi extra vengono dalle tasche dei cittadini/utenti. Nè le sanzioni comminate dall’Antitrust alle 3 principali compagnie attive nel mercato italiano, né la delibera 121/17/CONS dell’Agcom sono servite per cambiare le cose: da questa pratica è derivato un rincaro di circa l’8,6 per cento dei prezzi annuali, oltre a un’evidente lesione della trasparenza delle tariffe – principio cardine per una sana concorrenza.

Proprio per interrompere questo meccanismo, e “costringere” gli operatori a rispettare la delibera, il Codacons mette a disposizione degli interessati un’iniziativa dedicata.

Dal sito dell’Associazione (http://codacons.it/fatturazione-28-giorni-ora-dire-basta/) si può scaricare un reclamo/diffida con richiesta di rimborso di quanto versato illegittimamente in più per ogni bolletta a 28 giorni inviata dal gestore in indirizzo; e ancora, nel caso di risposta negativa, il formulario Ug per chiedere l’applicazione degli indennizzi automatici.

La conciliazione, infatti, rappresenta una strada facile e veloce per ottenere quanto dovuto, senza altri passaggi e altre richieste. In questo modo, è possibile richiedere un congruo indennizzo per ogni bolletta emessa con fatturazione a 28 giorni.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.