Accensione riscaldamento Roma, quando si accendono i termosifoni?


Accensione riscaldamento Roma, quando si accendono i termosifoni?




Con questo clima che sta cambiando notevolmente, con picchi di caldo che ancora si abbattono sulla città, vediamo cosa succede con l’accensione riscaldamento Roma e cosa dice la legge riguardo il riscaldamento centralizzato.
Accensione che è regolata da una normativa che prevede una data precisa per l’accensione termosifoni Roma è inserita nella fascia climatica D quindi,
in base a questa categorizzazione, la normativa dice che non è possibile tenere accesi i riscaldamenti per più di 12 ore nell’arco che va dalle 5 di mattina fino alle 23,
nel periodo che va dal 1 novembre al 15 aprile.

ACCENSIONE RISCALDAMENTO ROMA, COSA DICE IL COMUNE

Come abbiamo detto, per legge, non è possibile agire di testa propria per quanto riguarda l’accensione termosifoni Roma segue la fascia a cui è stata assegnata che è la D, che prevede l’accensione il 1 novembre.
L’accensione termosifoni condominiali Roma deve seguire, per chi ha un impianto centralizzato determinate regole per contenere i consumi di energia.
Tutti i comuni sono inseriti in fasce anche in base al tipo di clima, e  l’unica regola comune è che non possono essere accesi per più di 12 ore durante l’arco
della giornata dalle 5 di mattina alle 23.
L’unica eccezione è fatta per quegli immobili che sono dotati di una impianto con una caldaia unica ma in cui ogni appartamento abbia una gestione autonoma di accensione e spegnimento.

Eventuali modifiche possono essere richieste in base ad  esigenze particolari da parte del comune di Roma accensione riscaldamento infatti può variare
solo se il sindaco lo delibera, e solo se a  causa di un cambiamento climatico particolare.

ACCENSIONE TERMOSIFONI CONDOMINIALI ROMA

Per accendere i termosifoni condominiali Roma segue la fascia D ma è bene ricordare che la legge impone anche quanti gradi centigradi
si possono raggiungere. Ad esempio negli appartamenti, ma anche negli uffici pubblici e nelle scuole, non si possono superare i 20 gradi con un margine
di tolleranza di 2 gradi.
Differente per quanto riguarda gli edifici industriali dove il limite è di 18 gradi.




Ricordiamo inoltre che il 31 dicembre 2016 è scaduto il termine per installare le valvole termostastiche su tutti i termosifoni e che in caso non fosse stata fatta,
si incappa in una multa che va dai 500 ai 2500 euro.
La valvola serve a controllare che non si superi la temperatura indicata dalla legge (20 gradi) staccando autonomamente il termosifone in caso di
superamento della soglia e riattivandosi quando la temperatura cala al di sotto.

Da sapere anche che le spese per installare le valvole sono detraibili al 50% grazie agli incentivi relativi alle ristrutturazione edilizie.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*