Riscaldamento centralizzato cosa dice la legge: orari e date


Riscaldamento centralizzato cosa dice la legge: orari e date




A causa del riscaldamento globale, è stato necessario regolamentare l’accensione nei condomini del riscaldamento centralizzato condominio che è
obbligato a seguire la normativa per incappare in multe anche molto salate che, a seconda della regione possono andare dai 500 euro fino ai 2500.
La legge che regola l’accensione del riscaldamento centralizzato è la numero 10 del gennaio 1991 e del DPR 412 del 26 agosto 1993.
In base a questa legge necessaria per regolare le emissioni nocive nell’atmosfera, ogni città è stata classificata in diverse fasce.

RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO I PERIODI DI ACCENSIONE

Ogni fascia infatti ha un determinato periodo in cui è possibile accendere e spegnere i termosifoni, in base anche alle caratterisctiche climatiche
presenti nella città stessa.
Ovvio che Aosta avrà delle date completamente differenti da Palermo.
Secondo la norma, e questa è uguale per tutte le fasce è che non si può tenere acceso più di un determinato orario  il riscaldamento centralizzato orari
che prevedono un massimo di 12 ore suddivise nell’arco di tempo dalle 5 di mattina fino alle 23.

Inoltre, la legge prevede l’affisione di un cartello dove ci sono impianti centralizzati che indica gli orari del riscaldamento centralizzato fasce orarie
che devono essere ben visibili e in un luogo pubblico che tutti possono vedere.

RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO LE NORME

È bene sapere che per non incappare in sanzioni è importante seguire le norme del riscaldamento centralizzato nuove norme che prevedono
delle multe molto elevate fino a 2500 euro. Le nuove norme, inoltre, prevedevano che entro il 31 dicembre 2016 fossero montati sui termosifoni
le valvole termostatiche che servono a controllare che la temperatura non superi i 20 gradi consentiti spegnendo il termosifone e riaccendendolo quando la temperatura cala sotto la soglia.
Il montaggio delle valvole rientra in una serie di attività che migliorano il riscaldamento centralizzato come risparmiare per esempio,
inoltre è bene sapere che la spesa di questa modifica può essere detratta del 50 % perché rientra negli incentivi riguardanti le spese edilizie.




RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO LE ECCEZIONI

Ci sono delle eccezioni che riguardano il riscaldamento centralizzato, la prima è la possibilità del sindaco di modificare le date e gli orari in base
ad eventi atmosferici particolari come le ondate di freddo ad esempio. Inoltre ai condomini con un unica caldaia ma con gli appartamenti con
installato un sistema di contabilizzazione del calore e un sistema di termoregolazione non si applicano i limiti di orario giornalieri.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.