Accensione riscaldamento Fiumicino, date e periodi





Il riscaldamento ha delle sue regole ed è controllato da una legge, la numero 10 del 1991, che definisce appunto sia la data di accensione che le ore giornaliere
in cui poter tenere accesi i termosifoni e che regolano l’accensione riscaldamento Fiumicino facendo parte di Roma, rientra nella normativa della capitale e
che il controllo caldaie per il bollino blu deve essere effettuato.

Da tener presente che ogni città è stata inserita all’interno di zone che ne regolano le date di accensione in base alle temperature climatiche della zona,
in modo da gestire nel modo migliori i vari picchi di freddo.
Aosta e Palermo, per esempio, avranno date e orari completamente differenti proprio a causa del clima completamente differente.
Per ovviare a improvvisi colpi di freddo o anche colpi di caldo i sindaci delle varie città hanno la facoltà di cambiare sia le date che gli orari in modo
da gestire nel migliore dei modi il riscaldamento.

ACCENSIONE RISCALDAMENTO FIUMICINO DATE E FASCE ORARIE

Per quanto riguarda il riscaldamento centralizzato date e fasce orarie sono identiche a quelle di Roma, che è  inserita nella zona D.
Le regole di questa zona e quindi anche di Fiumicino dove è possibile accendere il riscaldamento centralizzato condominio è il 1 novembre,
la legge inoltre definisce anche gli orari riscaldamento centralizzato orari in cui è possibile tenere accesi i caloriferi per un massimo di
12 ore nel range orario che va dalle 5 di mattina fino alle 23 di sera.

La normativa inoltre definisce anche i gradi da impostare che sono per le abitazioni, gli uffici e le scuole, 20 gradi con una differenza di 2 gradi,
e per gli edifici industriali un massimo di 18 gradi.




RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO FIUMICINO COME RISPARMIARE

È possibile risparmiare sul riscaldamento centralizzato andando ad intervenire su diversi fattori, il primo senza dubbio è una perfetta coibentazione
cominciando dagli infissi ad esempio. Inoltre, per legge, entro il 30 giugno c’era l’obbligo di installare le valvole termostatiche che, anche loro,
permettono di ottimizzare il riscaldamento perché controllando i gradi di temperatura staccando il calorifero quando raggiunge il giusto calore.
Attenzione alle sanzioni perché variano da un minimo di 500 euro fino ad un massimo di 2500 euro.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.