Bollino blu caldaia lo deve pagare l’inquilino o il proprietario?


Bollino blu caldaia lo deve pagare l'inquilino o il proprietario?




Questa domanda è spesso un dilemma ma è anche uno di quegli argomenti che scatenato litigi e malintesi, quindi, bollino blu caldaia,
chi paga
il proprietario o l’inquilino?
Prima di tutto chiariamo che la revisione della caldaia è obbligatoria per legge e si divide in due in due tipi di intervento, il primo è la manutenzione ordinaria c
he andrebbe fatta prima dell’accensione dei termosifoni, a Roma è il 1 novembre, il secondo invece è l’analisi dei fumi  o efficienza energetica,
da qui la risposta ad una delle tante domande che ogni anno rimango nel dubbio, il bollino blu della caldaia è obbligatorio.

BOLLINO BLU CALDAIA INQUILINO O PROPRIETARIO?

Quando si deve fare il bollino blu manutenzione caldaie, essendo una manutenzione ordinaria è a carico dell’inquilino che dovrà farla
ogni anno per quanto riguarda l’accensione e la revisione annuale, la stessa cosa vale per quando non si utilizza più e quindi la famosa messa
“a riposo” della caldaia, nel caso non si utilizzi per la produzione dell’acqua calda, è sempre a carico dell’inquilino.

Cosa contraria invece è quando si deve cambiare la caldaia, essendo infatti un caso di manutenzione straordinaria, rientra nelle spese
che il proprietario dovrà fare, ma attenzione al tipo di danno, nel caso fosse stato causato da una negligenza dell’inquilino allora le spese ricadrebbero
su quest’ultimo.

Anche nel caso di sostituzione di pezzi della caldaia, la spesa spetta al proprietario dell’immobile sempre nel caso di una rottura che derivi dal
caso fortuito o nel caso di una caldaia vecchia.




BOLLINO BLU MANUTENZIONE CALDAIE: MULTE SALATISSIME

Il bollino blu caldaia chi lo paga ? Abbiamo chiarito che lo deve pagare l’inquilino perché rientra nelle spese ordinarie.
Attenzione però alle multe.
Nel caso non vogliate pagare 80 euro, che è il costo medio che di solito viene richiesto per un controllo dei fumi, rischiate una multa salatissima,
infatti la legge prevede una sanzione che va da 300 euro fino ad un massimo di 3000.
Quindi, oltre al fatto che il controllo dei fumi serve a controllare i valori di smog che immettiamo nell’aria, farlo significa che nel caso di controllo,
che viene fatto a campione, non rischiamo di incappare in una salatissima multa.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*