Bollino blu caldaia multe e controlli





Con l’arrivo dell’autunno, si comincia a pensare all’accensione dei riscaldamenti e alla normativa che prevede il bollino blu caldaia.
Ricordiamo che l’accensione riscaldamenti è regolata da una legge specifica che ne indica sia il giorno che la durata giornaliera in base alla fascia in cui la città è inserita.

Prima di accendere e far ripartire l’impianto di riscaldamento è fondamentale effettuare dei controlli che sono previsti dalla legge e che tutti conosciamo
come bollino blu caldaia che non è altro una certificazione rilasciata da tecnici specializzati  riconosciuti dal comune e che, a collaudo effettuato rilasciano
un bollino da apporre alla documentazione della caldaia.

La multa mancato bollino blu caldaia, che molti credono sia una fantasia, è invece una realtà bella e buona, chiaramente la procedura di controllo non viene effettuata da personale comunale che gira appositamente ma avviene tramite avviso da parte del comune stesso che anticiperà con una lettera il controllo
da parte di un tecnico ispettore.
La multa per bollino blu caldaia non è tra le più economiche parliamo di range che va dai 500 euro fino ad un massimo di 3000.

MULTA BOLLINO BLU CALDAIA, QUELLO CHE C’È DA SAPERE

Una delle domande più fatte su google è bollino blu caldaia multa, una ricerca che fa capire quanta confusione gira intorno a questa certificazione.
Prima di tutto partiamo da una certezza, il bollino blu è obbligatorio e lo ha stabilito la legge 192 del 2005.
Da non confondere sono i controlli ordinari da fare alle caldaie e il bollino blu. Il primo infatti riguarda la nostra sicurezza, una caldaia in buono stato
farà si che non ci siano rischi di malfunzionamenti e problemi di utilizzo durante il normale utilizzo.
Il bollino blu invece è un controllo sui fumi da parte dei tecnici del comune che prevede un controllo prima di tutto di inquinamento,
l’efficienza energetica e anche di corretto funzionamento.




BOLLINO BLU CALDAIA, OGNI QUANTO VA FATTO

Per quanto riguarda la cadenza dei controlli bollino blu caldaia è bene ricordare quanto segue:

  • Bollino blu impianti a metano ogni 4 anni
  • Impianti a GPL il bollino blu ogni 4 anni
  • Bollino blu impianti a combustibile liquido o solido ogni 2 anni
  • Caldaie con capacità di oltre 100 KW ogni anno

BOLLINO BLU CALDAIA MULTA SALATISSIMA

Avendo un libretto perfettamente in regola si eviterà la multa per bollino blu caldaia che varia da un minimo di 500 euro fino ad arrivare ad un
massimo di 3000 euro.
Ricordiamo che ogni fruitore e possessore di una caldaia o di un impianto di riscaldamento è prima di tutto responsabile dell’impianto ed è obbligato
a rispettare le scadenze per la revisione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.