Digitale terrestre, la tua televisione è da cambiare oppure no?





Il nuovo digitale terrestre previsto dalla legge di bilancio 2018, prevede che entro il 2022 ci sia il nuovo switch off alla nuova tecnologia per permettere
di sbloccare la frequenza di 700 MHZ che gli operatori di telefonia mobile dovranno utilizzare per il 5 g.
Un cambio che purtroppo non sarà affatto indolore visto che si stima che il digitale terrestre nuovo metterà fiori uso  almeno 9 televisori su 10.
5 anni circa in cui le emittenti e le regioni un po’ alla volta passeranno al Dvb-T2 cambiando tutto comprese le televisioni.

Digitale terrestre, la televisione che ho acquistato è in regola?

Capire se la nostra TV è compatibile alla nuova tecnologia è semplice, diciamo che in teoria se la tv che abbiamo preso ha meno di due anni con molta
probabilità è già a norma ed impostata per ricevere il segnale dal digitale terrestre di seconda generazione, nel caso contrario prepariamoci a non vedere
più la tv e scegliere cosa fare.
Infatti nel caso che la nostra televisione non sia compatibile con il digitale terrestre seconda generazione, possiamo optare per due soluzioni.
La prima è quella più drastica e cioè cogliere l’occasione e passare ad una tv più moderna e compatibile, l’altra è aggiungere la famosa scatoletta,
il digitale terrestre,  come successe durante il primo switch off.

Chiaramente questa seconda scelta è anche la più scomoda, di nuovo due telecomandi, ore davanti alla televisione, per chi non è pratico, ad installare ed
impostare i canali e nel peggiore dei casi chiamare un tecnico che faccia tutto al posto nostro con una relativa spesa, il tutto per adeguarsi al
digitale terrestre DVB-T2.
Sottolineiamo che questa operazione ha il solo scopo di liberare frequenze per il 5G per gli operatori di telefonia mobile e che quindi, a differenza
del passaggio da analogico a digitale, non aumenterà ne funzioni ne tanto meno canali televisivi.

Una spesa che oltre ai cittadini anche le emittenti dovranno effettuare, pensiamo ad esempio alle piccole realtà locali che dovranno sobbarcarsi di spese
che magari non rientreranno nel loro budget e che rischieranno la chiusura.
Che sia una svolta verso il web e ad una tecnologia che si basa su l’on demand seguendo l’esempio di Netflix? Possibile!







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.