Nuovo digitale terrestre cambia tutto comprese le televisioni


Nuovo digitale terrestre cambia tutto comprese le televisioni




Avevamo già assistito al primo cambio dalla vecchia televisione allo switch del digitale terrestre. All’epoca, oltre a migliaia di televisioni con all’interno la nuova tecnologia, arrivò la scatoletta magica che permetta di trasformare qualsiasi vecchia tv in una più “moderna” con centinaia di canali a disposizione.
Purtroppo non c’è pace per la televisione italiana visto l’arrivo del nuovo digitale terrestre e il passaggio obbligatorio ai nuovi televisori.
Infatti già dal 1 gennaio 2017 nei negozi  non era possibile vendere televisioni senza la tecnologia DVB-T2 e Hvec, preannunciando l’imminente cambio e il
nuovo switch off.
Il famoso switch off totale della vecchia tecnologia del digitale terrestre però avverrà nel 2022, il governo quindi ci da un range di 5 anni per acquistare una
nuova tv.

Nuovo digitale terrestre perché si dovrà cambiare?

Una delle domande più legittime è il perché ci sarà il passaggio al digitale terrestre seconda generazione, per fare chiarezza, la risposta sta nella tecnologia
5G ossia quella che dovranno utilizzare gli operatori telefonici. Infatti per permettere l’uso di questa nuova tecnologia della telefonia mobile servirà spazio nella
frequenza 700 MHZ, che quindi passerà ad esclusivo uso degli operatori della telefonia, lo switch dovrebbe avvenire nel 2020 ma con due anni  di tempo in
più per i paesi membri dell’ Unione Europea.
Quindi due anni di tempo, dal 2020 al 2022, in cui ci sarà questa transizione due anni di tempo per effettuare questa sorta di transizione tra le due tecnologie.

Già dal gennaio del 2017 le televisioni in vendita avevano adottato il digitale terrestre di seconda generazione quindi per tutti coloro che hanno acquistato
una nuova TV da questa data in poi, non dovrebbero avere problemi legati alla ricezione dei canali televisivi.

Come la volta scorsa, anche per questo nuovo passaggio al digitale terrestre seconda generazione, previsto dalla legge del bilancio 2018, lo switch off sarà
graduale e avverrà regione per regione ed emittente per emittente e con un piano stabilito e curato dall’Agcom.




 




1 Trackback / Pingback

  1. Digitale terrestre, la tua televisione è da cambiare oppure no?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.