Conguaglio di fine anno tutto quello che c’è da sapere sulle trattenute


Conguaglio di fine anno tutto quello che c'è da sapere sulle trattenute




Alla fine di ogni anno, a dicembre, il datore di lavoro ha l’obbligo di effettuare sulle buste paga il conguaglio di fine anno.
Questa operazione è una serie di calcoli che devono essere fatti per rivedere le imposte che il lavoratore dipendente deve e come l’Irpef e le addizionali
regionali e comunali.
Quindi c’è la possibilità che la busta paga di dicembre sia leggermente più leggera.

Conguaglio di fine anno busta paga cosa controllare

Prima di tutto è molto importante che nei primi mesi dell’anno siano comunicati al datore di lavoro tutte le varie ed eventuali detrazioni di cui si
ha diritto che possono essere il mutuo, le ristrutturazioni edilizie, le spese mediche e i figli a carico.
In pratica il conguaglio non è nient’altro che un allineamento delle trattenute e delle detrazioni per poi effettuare una verifica e nel caso addebitare
o accreditare la differenza sull’ultima busta paga dell’anno, quella di dicembre.
Il conguaglio di fine anno su busta paga quindi si baserà su quello che durante tutto l’anno si è percepito, per farla più semplice quando ci si trova
una busta paga più bassa perché ci sono state più trattenute nella busta paga di dicembre, è perché con molta probabilità nelle undici precedenti si è
percepito un reddito leggermente superiore dovuto alle minor trattenute e che a fine anno viene adeguato comportando spesso una forte riduzione della
busta paga
.

Perché anche a febbraio le buste paga sono più basse

Questo è un’altro aspetto importante da analizzare, di solito il conguaglio di fine anno viene applicato nella busta paga di dicembre, in realtà per legge
il datore di lavoro ha tempo per effettuare questa operazione fino all’ultimo giorno di febbraio dell’anno successivo.
Ricordiamo che non è detto che il conguaglio di fine anno sia a debito, spesso, nel caso il datore di lavoro abbia applicato una tassazione su un reddito presunto
più alto,  a fine anno ci sarà un rimborso delle somme già versate.
Nel caso abbiate un doppio lavoro con due datori oppure un immobile che fa reddito per ottenere l’allineamento dovete presentare il modello
Unico oppure il modello 730 che potrà essere compilato e presentato da un CAF o un commercialista abilitato.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.