Sacchetti biodegradabili supermercato, dal 1 gennaio obbligatori e a pagamento


Sacchetti biodegradabili supermercato, dal 1 gennaio a pagamento




Dal 1 gennaio del 2018 i sacchetti biodegradabili supermercato saranno prima di tutto obbligatori per ortofrutta, pescherie e macellerie.
La cosa interessante è che i sacchetti biodegradabili supermercato dovranno essere pagati dal cliente che si servirà agli specifici banconi e saranno addebitati durante il conto alla cassa.
Questo significa che dopo essere passati in macellerei, poi in pescheria e alla fine al banco dell’ortofrutta, dovremmo, in cassa, pagare un sovrapprezzo per le buste di plastica biodegradabile che ci hanno fornito.

La norma di legge

A partire dal 1° gennaio 2018 le buste con spessore della singola parete inferiore ai 15 micron, con o senza manici, utilizzate per trasportare e/o
asportare merci, per igiene e/o come imballaggio primario di prodotti alimentari quali carni, pesce, prodotti da forno e di gastronomia, frutta e verdura dovranno essere biodegradabili e compostabili secondo lo standard internazionale UNI EN 13432.

Sacchetti biodegradabili supermercato, le paga il cliente in cassa

Dal 1 gennaio del 2018 la norma prevede che i prodotti alimentari vengano imballati in sacchetti biodegradabili che prevedono un impatto ambientale quasi a zero.
In questo modo si tenterà di arginare la plastica utilizzata in ambito alimentare.
Inoltre tutti i sacchetti degli alimentari e dei supermercati dovranno avere una percentuale di almeno il 40% di materiale rinnovabile.
Una percentuale che nel corso dei prossimi anni aumenterà fino a diventare del 60 % nel 2020.
La cosa da sottolineare che la spesa relativa ai sacchetti biodegradabili supermercato sarà pagata dal cliente e sarà indicata nello scontrino fiscale.

Sanzione per far rispettare la legge

Spesso ad ogni legge viene applicata una sanzione, e in questo caso la sanzione riguarda chi non rispetterà tale norma che prevede sacchetti biodegradabili supermercato.
La cosa fondamentale è rispettare lo standard internazionale quindi ogni sacchetto dovrà riportare il numero di “omologazione” qualora non fosse riportato la
multa al supermercato prevista è salatissima si parla di 100mila euro.
Una multa che spronerebbe le aziende ad acquistare da subito le buste e i sacchetti biodegradabili.
La soddisfazione di Marco Versari di Assiobioplastiche è in contrapposizione con diverse associazioni di consumatori che non trovano giusto che sia il cliente che dovrà pagare la busta.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*