Ristrutturazioni in condominio: gli orari in cui lavorare


ristrutturazioni in condominio




Quando si vive all’interno di un condominio bisogna rispettare delle semplici regole del vivere civile, ma
non sempre pare che tutti le vogliano rispettare soprattutto quando si parla di ristrutturazioni in
condominio. Il rumore del trapano a tutte le ore del giorno durante la ristrutturazione condominio,
chiodi che vengono conficcati nei muri, mattonelle che vengono smantellate e che cadono sul pavimento,
mobili che vengono smontati e montati di nuovo, mette a dura prova i nervi dei condòmini. Cosa possiamo realmente fare?

Cosa dice realmente la legge

Se speravate di trovare una soluzione specifica a livello legislativo, purtroppo rimarrete delusi: non esiste nessuna legge specifica che disciplini la materia con l’indicazione di orari entro cui fare rumore e oltre il quale terminare i lavori. Ma questo non significa nemmeno “libertà assoluta”, nel Codice Civile vengono definiti dei limiti per i rumori condominiali, ma sono informazioni generiche. Vediamo quali sono.

Regolamento condominiale

Innanzi tutto bisogna controllare cosa dice in merito alle ristrutturazioni nei condomini e ai rumori molesti il regolamento condominiale. La copia può essere richiesta all’amministratore o al proprietario di casa, se si è in affitto.
È al regolamento condominiale che bisogna far fede visto che la legge lascia ampia autonomia al “palazzo”, purché si rispetti la proprietà individuale.
Non è detto però che ci siano delle norme condominiali in tal senso. Sono infatti rari i regolamenti condominiali che fissano gli orari entro cui possono essere svolte attività moleste, ma se così fosse, ci si può rivolgere al giudice in via d’urgenza affinché il regolamento venga rispettato. Purtroppo di dovrà aspettare qualche settimana prima che il giudice interpellato si esprima e a quel punto i lavori potrebbero essere già finiti.

La normativa del Codice Civile

Se il regolamento condominiale non stabilisce alcun orario per i lavori di ristrutturazione in condominio allora si deve ricorrere ad una norma del Codice Civile, anche se molto generica. L’articolo a cui ci si riferisce è l’844 che recita:




Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi.
Nell’applicare questa norma l’autorità giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprietà. Può tener conto della priorità di un determinato uso.

Quello che deve essere stabilito è cosa viene considerato “normale tollerabilità”. Solitamente la “normale tollerabilità” viene stabilita in base al rumore dell’ambiente circostante, cioè diverso è sentire un trapano in pieno giorno, un’altra sentirlo a notte inoltrata; un martello che batte avrà un diverso impatto se viene usato in un centro abitato o in campagna, e così via. Luogo e orario rivestono quindi un elemento determinante anche per le decisioni che dovranno essere prese dal giudice.

Non si può impedire ad un condòmino di fare i lavori, quindi un margine di tolleranza deve esserci quando si affrontano ristrutturazioni in condomino, da ambo le parti.
Quindi in line di massima, basandoci su persone “normali” gli orari applicabili sono tra le 7 e le 8 di mattina con pausa dalle 13 alle 15 e poi fino alle 19.

Regolamento Comunale

Altra possibilità è verificare il regolamento comunale per controllare se esistono delle norme comunali che stabiliscono gli orari per i lavori di ristrutturazione in condominio. Solitamente nelle grandi città vengono fissate delle sanzioni per chi non rispetta i turni di riposo. Per verificare basta collegarsi al sito del Comune o del Municipio, se effettivamente ci sono delle norme in tal senso e i lavori di ristrutturazione in condomino violano gli orari consentiti, si può fare una segnalazione alla Polizia Municipale, che potrà elevare una multa.




Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

2 Commenti

  1. Per la ristrutturazione del mio appartamento in un condominio in zona centrale a Milano, l’amministratore mi ha imposto di rispettare tutte norme previste per le ristrutturazioni nei condomini, devo dire che non è stato facile trovare una ditta che rispettasse tutte le regole, ho trovato una ditta seria e preparata che ha lavorato in modo tale da rispettare tutte le norme condominiali cercando di arrecare il meno danno possibile.

  2. Salve, anche io per ristrutturare il mio appartamento ho dovuto sottostare ad una serie di regole molto rigide, devo ringraziare la ditta che ho trovato che mi ha seguito anche tutta parte burocratica

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*