Come usare al meglio il Kakebo per risparmiare sul bilancio familiare


Kakebo




Far quadrare bilancio entrate e uscite di una famiglia non è sempre facile. A darci una mano arriva la versione giapponese del vecchio “libro dei conti di casa”: il Kakebo. Con questa speciale agenda possiamo tenere sotto controllo il bilancio familiare, proprio come facevano i nostri nonni.

Come iniziare ad usare il Kakebo dall’inizio dell’anno

Sebbene il Kakebo possa essere usato a partire da qualsiasi mese dell’anno, se lo iniziamo direttamente a gennaio, avremo la possibilità di fare un bilancio finale delle spese sostenute e di quanto siamo riusciti a risparmiare.

Per prima cosa dovremo segnare ad inizio mese le entrate e le uscite previste ovvero i costi fissi (affitto di casa, assicurazioni, bollette) e quello che teoricamente si vorrebbe risparmiare.

Per ogni giorno poi devono essere compilate le caselle destinate alle singole voci di spesa e alle effettive entrate. A fine settimana poi si dovrà segnare il totale.




Annotare le uscite sul Kakebo sarà utile per tenere traccia di tutte le spese che verranno affrontate. A fine mese si potrà controllare se le spese effettive sono rientrate nel budget familiare previsto o meno.

 

 

 

 

 

 

 

 



Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*