Kakebo, il metodo per risparmiare sul budget familiare arriva dal Giappone


kakebo




Non è sempre facile far quadrare il bilancio entrate e uscite di una famiglia. Negli ultimi anni si è diffuso sempre di più il Kakebo, la versione giapponese del vecchio “libro dei conti di casa”, quello che i nostri nonni utilizzavano per tenere sotto controllo il bilancio familiare.

Cos’è il Kakebo?

La parola Kakebo è formata da tre caratteri kanji  (家計簿) che significano letteralmente «libro dei conti di casa». I giapponesi lo usano  da oltre un secolo per annotare bilancio familiare e contabilità domestica.
Quindi in parole povere il Kakebo è un’agenda nella quale le varie uscite sono divise per categoria. Troveremo:

  •  spese fisse (affitto di casa, assicurazioni, bollette)
  •  spese di sopravvivenza (cibo, trasporto, salute)
  • optional (tempo libero)
  • cultura
  • spese extra (emergenze, acquisto di un elettrodomestico)

Il questo modo la gestione budget familiare diventa più semplice perché ogni spesa viene messa nero su bianco, questo infatti è il modo migliore per gestire le spese familiari tenendo sotto controllo le entrate e le uscite.

Come si usa?

Nel Kakebo la pianificazione è mensile, quindi ad inizio mese si segneranno le entrate e le uscite previste (i costi fissi) e quello che si vorrebbe risparmiare.
Poi ogni giorno si devono compilare le varie caselle dedicate alle singole spese e alle entrate effettive.
In questo modo si potrà avere una visione d’insieme della gestione del budget familiare o personale.
A fine settimana poi si dovrà segnare il totale di entrate e uscite. E questo sarà estremamente utile per correggere eventuali errori se, inconsapevolmente si sta sfiorando il budget previsto.




Il Kakebo quindi aiuta ad osservare nel dettaglio il budget spese familiari, organizzando effettivamente quelle che sono le reali priorità per la gestione domestica del budget familiare.




Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it