Arredo bagno gli errori più comuni e come evitarli





Quando si ristruttura un appartamento ci si ritrova anche a dover affrontare la ristrutturazione del bagno. Arredare un bagno può essere complicato se non si hanno le idee ben chiare. Nell’arredo bagno si può incorrere in diversi errori che però possono essere risolti con i giusti accorgimenti. Se le dimensioni del bagno sono piccole l’arredo deve essere ben ponderato, se invece le dimensioni lo permettono allora si può dar maggiore sfogo alla propria creatività.

Quali sono gli errori più comuni

Le scelte che facciamo riguardo l’arredo bagno forse sono quelle più importanti ed è fondamentale che l’intero ambiente risulti funzionale e allo stesso tempo accogliente, perché è il luogo in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo. Alcune scelte come i materiali, colori e accessori potrebbero rovinare tutto, ma vediamo quali sono gli errori più comuni e come evitarli.

La disposizione dei sanitari

La disposizione dei sanitari è fondamentale. Valutare le distanze e i volumi sono i punti chiave dell’arredo bagno perché ne garantiranno un uso agevole e sicuro.

Sprecare lo spazio disponibile

Spesso è solo dopo aver realizzato e arredato il bagno che ci si rende conto che alcune soluzioni scelte non sono quelle ideali. Bisogna valutare attentamente le posizioni e le dimensioni dei sanitari e dei mobili, tenendo presente che ogni centimetro può essere fondamentale.




Scegliere mobili troppo vistosi

Se le dimensioni del bagno sono ridotte è consigliabile non appesantire l’ambiente scegliendo un arredo bagno troppo vistoso. Meglio scegliere un arredo minimal ma di design con linee semplici ed essenziali. Possiamo anche giocare con mensole o nicchie nei muri.

Evitare rivestimenti troppo particolari o troppo di tendenza

Il bagno è forse la stanza che utilizziamo di più all’interno di una casa. È un luogo dove rilassarsi dopo le fatiche di una lunga giornata di lavoro. Quindi evitiamo di decorarlo con colori aggressivi o troppo vivaci perché dopo un po’ potremmo anche stancarci, benché queste soluzioni ci siano sembrate accattivanti al primo sguardo. Evitiamo anche di scegliere un arredamento troppo di tendenza, poiché nel giro di qualche anno potrebbe diventare obsoleto.

 

Optare per superfici difficili da lavare

Il bagno è anche il luogo nel quale usiamo maggiormente i prodotti per la pulizia delle superfici. Un arredo bagno ideale dovrebbe resistere al tempo, all’uso e all’impiego di detergenti a volte anche aggressivi. Scegliere quindi un arredo bagno bello ma poco resistente sarà una scelta controproducente.

Sottovalutare l’illuminazione

All’interno di un bagno la luce gioca un ruolo fondamentale perché sia il relax che la praticità possono essere ottenuti dosando sorgenti luminose. Valutiamo quindi un tipo di illuminazione per quando dobbiamo dedicarci al make up e un altro con luci d’atmosfera per quando dobbiamo invece dedicarci al relax

 

 

Risparmiare eccessivamente sugli accessori

Gli accessori bagno sono fondamentali e non ci si riferisce solo a lavabi, wc, bidet, piatti doccia, vasche da bagno e rubinetterie. Anche gli altri elementi quali ganci per accappatoi e asciugamani, porta sapone, porta rotolo possono fare la differenza, perché spesso è nei dettagli che si vede la qualità dell’arredo bagno.

Evitare a tutti costi il legno

Non è un diktat evitare l’uso del legno in un ambiente come il bagno. Se siamo amanti del genere l’importante è scegliere rivestimenti realizzati in legno trattato appositamente per resistere all’umidità. Se poi non vogliamo problemi possiamo sempre optare per dei rivestimenti realizzati in gres porcellanato effetto legno, sicuramente più facili da gestire e più resistenti.




Informazioni su Samantha Lombardi 23 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.