Orto casalingo, cosa si può piantare nel mese di marzo?


Orto casalingo, cosa si può piantare nel mese di marzo?




Rispetto al giardino e al terrazzo, l’orto è il tipo di coltivazione che richiede il maggior numero di ore di impegno e di attenzioni, ma anche quello da cui spesso si ottengono le migliori soddisfazioni. Ovviamente è importante in un orto casalingo cosa piantare nei diversi periodi dell’anno, ad esempio cosa piantare a marzo?

Per limitare al massimo la manutenzione, la chiave del successo è costituita dal concorso di tre fattori: la scelta di tipologie di ortaggi adatti al territorio, una buona organizzazione dello spazio e un corretto regime di concimazioni. L’impianto di irrigazione a goccia, su linee diverse per differenziare gli apporti idrici alle diverse parcelle, aiuta a risparmiare tempo e fatica, senza sprecare acqua, anche se sarà spesso necessario integrare con irrigazioni manuali localizzate, con un annaffiatoio.

Orto casalingo, sintonia con la natura

Scegliere di coltivare l’orto significa vivere in sintonia con la natura e quindi anche con i ritmi delle fasi lunari. La luna influisce in modo visibile sulle piante ornamentali e ortive e sugli alberi da frutto. È utile quindi munirsi di un calendario che riporti fasi lunari.
Semine e talee sono in genere operazioni che richiedono luna crescente, ma non per tutti gli ortaggi: le verdure da foglia, l’aglio e la cipolla si avvantaggiano dalla semina in luna calante. Potature e lavori di pulizia sono suggeriti in luna calante, così come i trattamenti antiparassitari, l’eliminazione di erbe infestanti va fatto nel plenilunio. Alcune verdure come pomodoro, melanzana, peperone, manifestano maggiore assorbimento idrico nei periodi di plenilunio estivo.

Avendo a disposizione una superficie di 40-50 mq è possibile coltivare verdure per tutte le stagioni dell’anno, compresi i periodi più freddi. In soli 20 mq è invece consigliabile puntare sugli ortaggi da consumo fresco per la stagione primaverile ed estiva e, in autunno-inverno scegliere verdure che richiedono poco spazio e che possono crescere sotto una piccola serra come rucola e ravanelli. Alcune specie, quali aglio, carote, cicoria, cipolle, ravanelli, forniscono una sufficiente quantità di prodotto anche se coltivati in piccoli spazi.




Saper gestire quanti ortaggi piantare

In un orto casalingo non si possono coltivare, in genere più di 12-15 tipi di ortaggi diversi. È evidente,
quindi, che va operata una scelta in base ai gusti personali, ma anche in funzione del clima locale, del
tipo di terreno e del tempo a disposizione.
Per ottenere un risultato rapido si possono anche acquistare gli ortaggi già-germogliati che offrono un
risultato di pronto effetto e riducono i tempi di attesa e le problematiche legate alla produzione del
seme.

Nel calendario delle semine in piena terra si possono suddividere per mese le colture più adatte al periodo:

  • Gennaio è stato il mese in cui si sono potute piantare l’aglio e cipolla e seminare fave e piselli.
  • A febbraio le specie coltivabili sono invece: aglio, barbabietole, carote, cipolle, fave, patate, piselli,
    ravanelli, spinaci.
  • Marzo è il mese più importante per i lavori dell’orto perché la temperatura diventando sempre
    più mite permette di mettere in pieno campo diversi tipi di verdure, tra cui: aglio, barbabietole da
    orto, biete carote, cicorie da taglio, cipolle, lattughe, patate, piselli, pomodori, rape, ravanelli,
    rucola, spinaci, zucche, zucchine.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.