Bollette 28 giorni: cosa dice la legge in merito? Cambia tutto da Aprile


Bollette 28 giorni: cosa dice la legge in merito? Cambia tutto da Aprile




Dopo la dichiarazione dell’Agicom e del Governo riguardo le bollette a 28 giorni e le pratiche scorrette, i consumatori si sono mossi per poter subito richiedere i rimborsi previsti. Vediamo però cosa dice la legge riguardo tutto questo. Secondo le ultime indiscrezioni, entro il 4 aprile le bollette che riguardano le compagnie telefoniche e le pay tv dovranno essere di nuovo a 30 giorni e non più a 28.

Bollette a 28 giorni: tutto quello che c’è da sapere

La legge che ha previsto questo cambiamento è la 172/2017, con questa si è dato lo stop alle bollette a
28 giorni
, questo però non vale per le società che gestiscono la distribuzione della luce, del gas e internet.
Ciò che prevede la legge è che il periodo di fatturazione torni quello di una volta, quindi come detto prima,
ogni 30 giorni e non ogni 28, inoltre gli operatori dovranno adeguarsi entro 120 giorni dall’entrata in vigore di tutto questo, quindi entro il 4 aprile. Chi non rientrerà sarà obbligato a rimborsare tutti i clienti con un indennizzo forfait di 50 euro, maggiorato di 1 euro per ogni giorno in più di fatturazione. E ci saranno anche delle multe per le compagnie che non rispettano la legge che partiranno da 240 mila euro fino ad arrivare ad un tetto massimo di 5 milioni di euro. Inoltre è bene sapere che è possibile presentare autonomamente la richiesta rimborso bollette 28 giorni scaricando un modulo.

Fatturazione a 28 giorni: gli interventi dell’Agicom

Già nel mese di marzo 2017, l’Agcom è intervenuta rilasciando una delibera nei confronti delle
compagnie telefoniche che prevedeva una pratica di 28 giorni di fatturazione solo per le aziende di
telefonia mobile, tutto ciò però ha preso una brutta piega e gli operatori non hanno rispettato il
termine di 90 giorni concessi dal garante per potersi adeguare. A dicembre c’è stato un altro
intervento dell’Agicom che ha ritenuto necessario dover effettuare un rimborso a tutti i clienti che
hanno pagato un’ingiusta cifra per il nuovo piano tariffario, questo sarebbe dovuto avvenire con la
prima fattura emessa a scadenza di 30 giorni.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.