Fatturazione 28 giorni: è illegale per l’Agicom legittimo il rimborso


Fatturazione 28 giorni: è illegale per l’Agicom legittimo il rimborso




Come ben si sa le bollette a 28 giorni sono illegali e tutti coloro che hanno pagato di più a causa di questa metodologia, hanno la possibilità di chiedere un rimborso. La notizia è recente e appunto prevede una fatturazione a 30 e non una fatturazione 28 giorni. Dunque tutte le compagnie telefoniche che hanno fatto pagare l’8,6% in più a causa di questa decisione sono state multate, poiché tutto ciò è stato considerato illegale dall’Agicom e dal Governo.

Bolletta 28 giorni: Chi può richiedere il rimborso

La domanda che tutti si sono posti dopo esser venuti a conoscenza di questa situazione è: “Chi può richiedere il rimborso?”. Ebbene questa richiesta di rimborso per la bolletta a 28 giorni, possono richiederlo tutti i cittadini che ne fanno richiesta e che l’hanno ovviamente pagata. Le compagnie telefoniche, una volta accertate dei pagamenti a 28 invece che 30 giorni, dovranno poi restituire il denaro con una cifra non inferiore a 50 euro. Inoltre ci sarà indennizzo maggiorato di un euro per ogni giorno di fatturazione illegittima. Inoltre è possibile scaricare il modulo rimborso bolletta 28 giorni per accedere al risarcimento.

Rimborso bollette a 28 giorni: Come richiederlo

Richiedere il rimborso delle bollette a 28 giorni è semplicissimo, basta presentare la richiesta ai
comitati regionali, Co.re.com, oppure inviare un reclamo alle compagnie telefoniche chiedendo
direttamente il rimborso della fatturazione citata sopra. Dunque tutte le compagnie telefoniche che
hanno adottato questa pratica scorretta, ad oggi si sono ritrovate obbligate a dover restituire non solo
le eccedenze pagate dai consumatori ma anche delle multe salate imposte dal Governo. Tutto questo,
come detto in precedenza, a causa delle pratiche illegali delle bollette a 28 giorni.

Non resta altro quindi che compilare i moduli adatti e inviarli alle Co.re.com oppure telefonare le
compagnie telefoniche e fare subito richiesta di rimborso per poter ricevere indietro, tutto il denaro versato in precedenza. Ricordiamo inoltre che molte compagnie telefoniche hanno previsto già da sole la possibilità di richiedere i rimborsi senza passare per lettere o per associazioni di conumatori.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*