Quali concimi usare per l’orto casalingo, trucchi e consigli


Quali concimi usare per l’orto casalingo, trucchi e consigli




Quasi sempre le piante hanno bisogno di apporti nutritivi aggiuntivi per crescere rigogliose. Esistono in commercio fertilizzanti inorganici di ogni genere: pronti per l’uso, allo stato puro o in miscugli opportunatamente dosati, e concimi specifici per ogni tipo di pianta o di terreno e dalla frequenza di applicazione, ma quali concimi usare?

In un negozio di articoli da giardino sono disponibili in forme diverse: in granuli, a lento rilascio, solubili e liquidi o in bastoncini e pastiglie. È da premettere che entrambi forniscono alla pianta il nutrimento che le è necessario. Quello che cambia è il modo con cui la pianta incorpora l’alimento. Nel caso dei fertilizzanti inorganici la sostanza somministrata è infatti allo stato puro, concentrata, pronta per essere assorbita immediatamente dalle radici.

Questo assorbimento piuttosto rapido fa sì che la pianta cresca con maggior rapidità, produca fiori più grandi e ortaggi o frutti più grossi, di contro non producono effetti molto benefici sulla struttura e sulla fibra del terreno, anzi se il loro impiego si protrae nel tempo, possono risultare addirittura dannosi.

Quali concimi utilizzare che non siano tossici

Anche i fertilizzanti naturali di origine organica, quali letame, foglie morte, sostanze animali e in genere ogni sostanza vegetale, contengono tutti gli insiemi degli alimenti richiesti dalle nostre piante. Ad azione relativamente lenta, consentono alla pianta di assorbire il suo nutrimento ad un ritmo più naturale, in un periodo di tempo più lungo, cosa molto importante per le piante perenni.




Inoltre i concimi organici migliorano la natura del terreno e favoriscono lo sviluppo dei microrganismi che vi si trovano. Un ulteriore vantaggio offerto da questi fertilizzanti è che rimangono sul terreno più a lungo ed è perciò più difficile che la pioggia o un’irrigazione continua li eliminino prima che la pianta li abbia assorbiti. Se i fertilizzanti inorganici si trovano in commercio facilmente, lo stesso non può dirsi per quelli organici. Ricordiamo che è molto importante utilizzare il calendario lunare 2018 per sapere quando e come piantare.

Ecco quali usare

In ogni caso, esiste un’ampia gamma entro cui poter scegliere, anche se quello più largamente usato è il concime di stalla, anche se trovarlo è diventato sempre più difficile. Fra i concimi organici che si trovano in commercio alcuni dei più usati sono:

  • Sangue in polvere: è il più attivo di tutti i concimi organici, è uno dei più rapidi e la sua azione sul terreno è una delle più durature;
  • Cornunghia: preparato con corna e unghie di animali ha un’azione lenta, ma non lentissima,  uno dei migliori fertilizzanti organici ad azione lenta;
  • Farina di ossa: ha un’azione molto lenta, ma è un fertilizzante che a volte rimane attivo nel terreno anche due anni;
  • Guano (letame): è un ottimo concime; composto da escrementi di uccelli marini, piume e carogne degli stessi volatili. Nel terreno è un’azione rapida e duratura;
  • Letame pollino: è un fertilizzante efficacissimo e adatto per ogni uso;
  • Farina di pesce: è un ottimo concime ad azione rapida;
  • Cenere di legna: è un’eccellente fertilizzante, anche se non va usato in un suolo eccessivamente calcareo;
  • Compost: è il più conosciuto, deriva dal processo di trasformazione degli scarti della cucina, del giardino e dell’orto. Non è il concime più ricco a meno che non venga aggiunto letame o sostanze azotate in quantità.
  • Fanno parte del concime organico anche: alghe marine, humus di lombrico, lupini macinati, borlanda essiccata, panello di ricino.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.