Riscaldamento condominiale, quando si spengono i caloriferi


Riscaldamento condominiale, quando si spengono i caloriferi




In Italia quando arriva l’inverno la preoccupazione principale per la propria casa è quella che riguarda i riscaldamenti. Infatti spesso ci si domanda nei condomini come funziona la legge per i caloriferi, e proprio per questo motivo di seguito spiegheremo come avviene lo spegnimento del riscaldamento condominiale.

Secondo la legge, i riscaldamenti vanno accesi e spenti in base a delle zone che hanno una fascia di appartenenza in base alla loro posizione. Infatti l’accensione e lo spegnimento del riscaldamento condominiale varia da Nord a Sud della nostra penisola. Altra cosa da considerare è che possono variare anche le ore giornaliere in cui i caloriferi restano accesi.

Riscaldamento condominiale, non si possono superare i 20°

Secondo la legge per lo spegnimento del riscaldamento nei condomini, non è possibile superare i 20 gradi centigradi. Ovviamente è possibile avere almeno 2 gradi di tolleranza, quindi si va ai 22 gradi centigradi massimo, all’interno delle abitazioni, scuole ed uffici. Per quanto riguarda le attività artigianali invece, il massimo della temperatura è di 18 gradi centigradi.

Tutto questo perché le temperature scelte, servono esclusivamente per svolgere al meglio le attività ma soprattutto a non danneggiare l’ambiente con l’abuso dei riscaldamenti condominiali. Ciò è stato deciso anche perché l’inquinamento generato dai caloriferi è davvero tanto, inoltre è tra i maggiori scatenanti dei malanni di stagione.




Riscaldamento condominiale, autonomo o centralizzato

Spesso si vuol bypassare il riscaldamento condominiale installando una caldaia privata. In passato
infatti il riscaldamento centralizzato era molto più utilizzato, ad oggi invece c’è più autonomia e ci cerca
sempre di migliorare anche l’efficienza energetica degli impianti.

Questo nuovo tipo di opportunità risulta un modo per poter avere delle detrazioni fiscali e quindi una
sorta di convenienza per gli inquilini. Ovviamente è da tenere presente che la giusta scelta può essere
fatta solo se prevista da legge condominiale e in base alle proprie esigenze.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.