Condominio: chi nomina l’amministratore di condominio?


Condominio: chi nomina l’amministratore di condominio?




La legge non si esprimeva in modo chiaro riguardo alle elezioni degli amministratori di condominio fino a poco tempo fa. Tuttavia, adesso, il tutto è regolato da diverse norme e da modalità ben precise e rigorose, che andremo a illustrare di seguito. Tenete conto che non è necessario che l’amministratore di condominio sia una persona fisica: può esserlo anche una società.

Cosa serve per nominare un amministratore di condominio?

L’amministratore di condomino viene nominato durante le convocazioni; può essere scelto alla prima convocazione, anche se è piuttosto difficile, oppure nel corso della seconda. I vari condomini parleranno a vicenda e si esprimeranno riguardo alla propria preferenza, cercando di risultare più imparziali possibile.

Durante la prima convocazione, ogni condomino farà il nome del futuro amministratore di condominio. Qualora si arrivasse a deliberare, è necessario che siano presenti tanti condomini, che possano ricoprire i due terzi dei millesimi dell’intera abitazione. Ovviamente, è richiesta inoltre la maggioranza dei condomini, ovverosia dei soggetti.

Il risultato della votazione deve essere rappresentato dalla maggioranza dei voti espressi a suoi favore e deve necessariamente ricoprire almeno la metà dei millesimi dell’abitazione.




Se, invece, il nome dell’amministratore verrà deciso durante la seconda convocazione, sono richiesti i condomini che coprano un terzo dei millesimi dell’abitazione e un terzo dei condomini. Inoltre, anche la votazione scenderà, richiedendo soltanto la maggioranza dei voti espressi a favore e un terzo dei millesimi dell’abitazione.

Cosa accadrà dopo la sua nomina ufficiale? È necessario qualche documento scritto?

Una volta deciso il nome, si procederà come da prassi: la Cassazione ha stabilito che la nomina
dell’amministratore di condominio può avvenire a seguito di procura verbale o tacita. Dunque, la sua
ufficializzazione all’incarico non necessiterebbe di contratto o di un documento scritto. L’importante è
che la sua investitura avvenga in maniera rigorosa, secondo le norme in vigore e durante le assemblee
di condominio. Va ricordato che tutte le spese condominiali vengono ripartite secondo un criterio che
ha per base il calcolo dei millesimi, ossia in base alla metrature di ogni appartamento e alla sua collocazione.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.