Condominio, cosa paga l’inquilino e cosa il proprietario di casa


Condominio, cosa paga l’inquilino e cosa il proprietario di casa




Se siete inquilini, oppure state per affittare la vostra casa all’interno di un condominio a qualcuno, e state cercando di comprendere quali spese dovrete affrontare, in questo articolo faremo un po’ di chiarezza a riguardo. Alcune spese spettano all’inquilino e altre al padrone di casa. Nello specifico, le spese che vanno a modificare, ristrutturare o sostituire parti dell’abitazione e/o dell’edificio, di proprietà del locatore, spettano al padrone di casa.

Condominio, come si ripartiscono le spese tra inquilino e padrone di casa

Invece, le spese che vengono considerate di gestione ordinaria, ovvero le spese volte a mantenere l’immobile pulito e in perfetto stato abitativo, per evitarne il deterioramento dovuto all’essere appunto abitato, spettano al conduttore. Alcune spese potrebbero essere affrontate e ripartite tra il conduttore e il locatore.

Spesso, nel contratto di locazione, sono riportate tutte le spese necessarie a carico del conduttore e
del locatore; molte volte, ambedue le parti si accordano su cosa pagare e su come affrontarlo, per
evitare possibili disagi e disguidi futuri.

Le spese che spettano al locatore e al conduttore sono ripartite a seconda della gestione

Esempi di spesa del conduttore sono la manutenzione ordinaria, la sostituzione di un oggetto
presente in casa causa rottura, un eventualmente rifacimento delle chiavi e delle serrature per
smarrimento o per altre cause e la tinteggiatura dei pavimenti e dei rivestimenti.




Al contrario, spetteranno al locatore spese ben più sostanziali, quali la sostituzione di un impianto
sanitario, dei vetri, delle serrature, di un impianto di riscaldamento.

Per quanto riguarda le spese condominiali, che ricordiamo sono decise in base a come sono calcolati i millesimi, al locatore spettano solo le spese congrue all’installazione e sostituzione parziale e/o integrale di determinate parti. Il mantenimento degli stessi spetta invece al conduttore, poiché sono servizi di cui usufruisce, quali l’ascensore, le scale, il riscaldamento, l’acqua, eventuali antenne televisive. Difatti, la pulizia dell’edificio si ripartisce solo al 10% al locatore e 90& al conduttore.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*