Condominio, cosa succede se qualcuno non paga le spese relative


Condominio, cosa succede se qualcuno non paga le spese relative




A volte, purtroppo, capita che un condomino non paghi le spese di condominio, per motivi che non staremo qui a elencare. Ma cosa accade quando un soggetto non paga e chi dovrebbe occuparsene? I ritardi dei versamenti delle quote per come sono calcolati i millesimi è in questo caso il “moroso”, ma, in casi estremi di ritardi di pagamento, il condominio può tutelarsi, ricorrendo a vie drastiche. Può pignorare i beni del moroso, come lo stipendio, o la pensione, o oggetti materiali di particolare valore, quali l’auto e gli elettrodomestici. Il condominio può richiedere inoltre anche un pignoramento sulla casa, se il soggetto moroso in questione non intende pagare.

Come agire in caso di mancato pagamento spese condominio

Il moroso riceverà un’ingiunzione del tribunale, il “decreto ingiuntivo”, in cui gli si richiederà di versare i contributi entro 40 giorni, oppure di intentare una causa ordinaria. Il secondo scenario si segue quando il soggetto ritiene di aver pagato, o suggerisce che l’importo addebitatogli sia totalmente errato.

Il decreto ingiuntivo è esecutivo; se il soggetto non intenterà una causa o non verserà la sua parte di pagamento al condominio, questi sarà costretto al pignoramento. L’amministratore di condominio assumerà un legale che si occuperà di tutte le spese e che affronterà l’iter giudiziario insieme agli altri condomini contro il soggetto definito “moroso”.

L’iter giudiziario si occuperà di tutto

La richiesta di affidarsi a un iter giudiziario da parte del condominio avverrà dopo numerosi solleciti di pagamento. L’amministratore invierà solleciti verbali e scritti al soggetto “moroso” per evitare di intentare una causa. Se non si trova una soluzione, l’amministratore avrà a disposizione sei mesi di tempo per richiedere un’ingiunzione del tribunale. Questo è il caso in cui gli altri condomini potrebbero decidere di concedere più tempo al soggetto di pagare, ma la legge prevede comunque sei mesi per decidere il da farsi. Altrimenti, se l’amministratore non agisce entro il limite di tempo richiesto, sarà ritenuto responsabile, verrà sollevato dall’incarico e potrebbe essergli addebitato un risarcimento del danno.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.