Ristrutturazioni, il materiale del futuro? Il legno


Ristrutturazioni, il materiale del futuro? Il legno




Nel corso delle ristrutturazioni l’evoluzione sui materiali è stata costante, ma se si tornasse all’inizio? Il legno non solo è resistente, isolante e sostenibile, ma fa anche lavorare e vivere meglio. Sono tanti i vantaggi del materiale più antico del mondo che sta tornando protagonista dell’edilizia a livello nazionale e internazionale. Un trend rilevato anche da scienziati ed esperti che prevedono il fiorire in Europa del maggior numero di grattacieli in legno più alti del globo. Protagonista anche l’Italia, con un mercato in costante crescita che vale oltre 700 milioni di euro: già nel 2015 una casa nuova su 14 era in legno.

Ristrutturazioni, il legno tornerà come materiale del futuro

Se è vera la teoria dei corsi e dei ricorsi storici, dopo l’era dell’acciaio e del cemento, ritorna l’era del legno. Utilizzato fino alla fine dell’Ottocento, cancellato dall’avvento dell’acciaio e del cemento armato e riscoperto solo recentemente, il legno strutturale in Italia sta recuperando quote di mercato registrando una crescita costante in controtendenza rispetto all’industria delle costruzioni.

Lo sostengono i dati del 2° Rapporto case ed edifici in legno 2015, pubblicato recentemente dal Centro Studi FederlegnoArredo Eventi, dai quali emerge che l’Italia rappresenta il quarto player in Europa tra i produttori di costruzioni in legno; lo confermano studi scientifici, che evidenziano un legame forte tra gli ambienti naturali e i benefici psicofisici, e lo avvalorano gli esperti del settore.

Una tendenza diffusa anche a livello internazionale: secondo il Council on Tall Buildings and Urban Habitat nei prossimi anni l’Europa ospiterà il maggior numero di grattacieli in legno più alti del mondo. Tra le motivazioni che spingono le persone a preferire case in legno c’è il fenomeno “Healthy homes”, studio teorizzato dai ricercatori della University of British Columbia.




Resistente ma flessibile, ottimo come isolante termico

Resistente ma flessibile, ottimo come isolante termico, duraturo, ecologico, sostenibile, riciclabile e, non
da ultimo, esteticamente gradevole. Sono tanti i vantaggi che stanno orientando i professionisti della
progettazione verso l’impiego del legno nel settore edilizio, elevandolo a mattone del futuro.

“Solo negli ultimi decenni l’innovazione tecnologica ha individuato nuovi orizzonti per il legno strutturale
– spiega Sebastiano Cerullo, Segretario Generale di Conlegno – Ma affinché il tema dell’architettura
ecosostenibile non sia solo una tendenza passeggera è necessario sviluppare una vera e propria cultura
del legno, investendo nella formazione e adottando certificazioni per un corretto impiego del materiale,
nel rispetto della normativa vigente.

Per questo motivo il Consorzio si impegna da un lato a preservare il patrimonio forestale, dall’altro a
incentivare una visione del mondo in cui la sostenibilità sia al centro di ogni futuro progetto e di ogni
costruzione al passo coi tempi”.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.