Climatizzazione casa, come si deve scegliere la potenza


Climatizzazione casa, come si deve scegliere la potenza




La potenza del climatizzatore è una delle caratteristiche che causano spesso grattacapi all’inquilino, soprattutto se abita in un condominio dove i climatizzatori possono portare a litigi con i vicini a causa del rumore.
D’altra parte però, quando si effettua la scelta del condizionatore per la climatizzazione casa del proprio appartamento, è sempre meglio optare per un apparecchio che, oltre a soddisfare appieno le esigenze dell’inquilino, gli garantisca caldo a sufficienza durante il periodo invernale e il giusto refrigerio durante quello estivo. È bene capire quindi quando si procederà all’acquisto di valutare il modello climatizzatore più adatto, prendendo in considerazione i migliori modelli 2018.

Come scegliere quindi il miglior climatizzatore tra i climatizzatori per la casa? E ancora, come si fa a capire quanta potenza occorre per riscaldare, o per raffreddare, i locali in modo efficiente?

Climatizzazione casa: ecco come calcolare la potenza 

Per capire quanta potenza dovrà avere il climatizzatore, si può fare un semplice calcolo dei BTU:

340 BTU/h x metro quadrato




Se per esempio l’inquilino dovrà riscaldare un appartamento di 60 metri quadrati, a meno di non voler
battere i denti per il freddo o sudare durante l’estate, dovrà scegliere dei climatizzatori per il
condominio che abbiano almeno una potenza di 20400 BTU/h.

Ovviamente questo si tratta soltanto di un calcolo approssimativo, perché per ottenere una stima
precisa, oltre a fattori come l’esposizione alla luce solare, il numero di persone che vivono
nell’appartamento e che usufruiscono dei locali, l’altezza, il tipo di infissi e il numero di finestre presenti,
dovrà considerare anche le caratteristiche del dispositivo, come la classe energetica di appartenenza, il
grado di silenziosità, la presenza o meno dell’Inverter e della modalità WI-FI, nonché la presenza o meno
della funzione deumidificazione, necessaria e indispensabile per ridurre l’umidità dell’aria e mantenere
una temperatura costante, soprattutto negli appartamenti più vecchi o che si trovano all’interno di edifici storici o che sono stati costruiti in pietra.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.