Certificazione impianto elettrico casa, è obbligatoria?


Certificazione impianto elettrico casa, è obbligatoria?




Avete mai sentito parlare della certificazione di un impianto elettrico? La certificazione dell’impianto elettrico è una dichiarazione di conformità che parte tecnicamente da un esperto specializzato nel settore elettrico. In pratica si tratta di colui che ha installato oppure ha visionato in maniera molto concentrata l’impianto. Si va ad attestare che quel determinato impianto, rispetto a quella che è la normativa vigente, in materia alcuni casi è possibile sostituire la certificazione di un impianto elettrico con un documento chiamato Diri.

In realtà il Diri, non è una documentazione che può essere preparata come una certificazione, quanto piuttosto è un documento di rispondenza che va a certificare con l’aiuto di un tecnico specializzato e dà la possibilità di confermare che quell’impianto è equiparabile a quanto voluto dalla legge. La certificazione dell’impianto elettrico ha anche un costo che si aggira tra i 50 ed i 300 euro, a seconda di quelli che sono tipi di interventi che il tecnico è chiamato ad effettuare.

La certificazione dell’impianto elettrico, ecco che cosa serve

Le certificazioni impianti elettrici è importante per tutti, specie quelli che vogliono vendere, ad
esempio, una vecchia casa. Ma anche chi vuole chiedere l’agibilità di un immobile oppure chi vuole
cedere un immobile a terzi, sia se in comodato o con una locazione deve necessariamente avere con sé
la certificazione dell’impianto elettrico. Per gli immobili che sono stati fatti precedentemente al 2008, si
ha la possibilità di poter sostituire la dichiarazione di conformità dell’impianto con la dichiarazione di rispondenza: ovvero, questo documento che può essere fatto da tecnici abilitati a redigere una cosa del genere e che quindi ha un valore molto simile a quello della certificazione stessa.

È opportuno che però venga fatta da un tecnico specializzato di una ditta abilitata che lavora in questa posizione da almeno 5 anni. Per gli immobili successivi al 2008, è necessario invece avere una certificazione dell’impianto elettrico che non può essere richiamata con il Diri.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.