Bollette luce troppo care, attenzione al caricabatterie


Bollette luce troppo care, attenzione al caricabatterie




Ammettiamolo, tutti lasciamo il caricabatterie nella presa di corrente, nonostante la carica del telefono o del computer sia al 100%. Ebbene, questa è una cattiva abitudine che tutti dovremmo correggere e che spesso fa si che le bollette luce siano troppo care.

Perché?

Avete presente l’ultima bolletta della luce? Il costo totale vi ha lasciati senza parole: come mai si spende così tanto se si fa la massima attenzione? Risparmiare sulla bolletta della luce è il cruccio di ogni italiano.

Ci sono molti modi per non spendere tantissimo; spegnere sempre la luce quando si esce da una camera, utilizzare determinate lampadine, ricorrere alle luci di cortesia…




Perché il caricabatterie pesa sulla bolletta della luce

Spesso, ci ingegniamo con vari trucchetti pur di non pagare moltissimo e mettere da parte i soldi per una vacanza, o per uno sfizio personale. Questo è possibile mettendo in atto piccoli accorgimenti che a noi sembrano senza conseguenze.

L’abitudine di lasciare il caricabatterie nella presa è molto diffusa, più di quanto dovrebbe. Gli esperti ci hanno avvertito: il caricabatterie nella presa consuma energia. Come? Avete tolto il telefono e il computer dalla carica e credete che basti questo?

Purtroppo no: dovete infatti staccare completare il caricabatterie, perché, nonostante non stia ricaricando nulla, al suo interno possiamo trovare un trasformatore che richiede una quantità di energia. Seppure minima, questa ha un notevole peso sulla bolletta, soprattutto perché spesso lo lasciamo nella presa per ore, giorni, settimane.

Il caricabatterie richiede una quantità di energia anche in assenza di telefono e computer

La quantità di energia richiesta non è moltissima, ma dobbiamo considerare questo aspetto: tra cellulari, computer, tablet, possiamo arrivare a un notevole rialzo.

Vi consigliamo di fare più attenzione e di togliere il caricabatterie dalla presa dopo aver finito di utilizzarlo.

Forse non risparmierete moltissimo, ma ogni euro è importante, soprattutto in tempi di crisi: e poi alla lunga gioverebbe anche sullo stato del caricabatterie. Ad oggi, facendo alcuni calcoli staccare tutti i caricabatterie che non sono utilizzati porterebbe ad un risparmio di circa 50/60 euro l’anno.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.