Piscina a casa, quanto può costare metterne una


Piscina a casa, quanto può costare metterne una




L’estate è così vicina che ormai ci sembra di sentire il profumo del mare. Estate è un concetto meraviglioso, dopotutto: vacanze, ferie, divertimento assicurato, feste…
Non tutti, però, abitano nelle vicinanze di una bella spiaggia e per loro è impossibile spostarsi ogni weekend. Richiedere la costruzione di una piscina nel giardino della propria abitazione è l’idea migliore, ma quanto costa?

Quanto costa la costruzione di una piscina?

Considerando che potrete dare feste per pochi intimi, risparmiare in benzina e caos autostradale, alla fine il costo totale avrà un risparmio sul lungo termine.

Il primo punto che c’è da sapere è che la piscina è sempre stata considerata un “bene di lusso”.

Tuttavia, oggi, con le agevolazioni, non è più così.




Prima di aggiungere altro, non è sempre possibile costruire una piscina; dipende dai permessi comunali e dallo spazio che si ha a disposizione. Non è facile fare un preventivo di spesa, perché equivale a chiedersi il costo di una casa.

Ogni immobile, così come ogni piscina, ha un prezzo differente a seconda delle caratteristiche e della qualità dei materiali. Tuttavia, è lecito scoprire su quanto possa aggirarsi il costo.

Perché è preferibile un materiale di qualità eccellente?

Il modo migliore per avere un’idea del costo preciso è richiedere un preventivo alla ditta di costruzioni. Per esempio, sappiamo che le piscine interrate sono tra le più care sul mercato.

A seconda che la vogliate con alte rifiniture, o che vi accontentiate della classica piscina dalle dimensioni contenute, il costo potrebbe oscillare tra i 13.000 fino ad un massimo di 30.000 euro.

Non sono proprio noccioline. Ovviamente, esistono degli ulteriori metodi di risparmio, ma sarebbe opportuno fare un lavoro completo, perché una piscina di scarsa qualità ridurrebbe notevolmente  il valore dell’immobile.

Inoltre, il suo mantenimento potrebbe risultare un costo non indifferente: riflettete bene.