Piscina a casa, ogni quanto tempo deve essere pulita?


Piscina a casa, ogni quanto tempo deve essere pulita?




Pulire la piscina a casa è importantissimo per la salute dell’acqua e delle rifiniture. Il tempo ultimamente fa un po’ il pazzerello, pioggia, caldo, freddo… tuttavia, gli esperti hanno avvertito gli italiani: l’estate non tarderà ad arrivare.

Sarà probabilmente intervallata da giorni caldi e da giorni più freschi; soprattutto nei più caldi, è bene avere una piscina nel giardino della propria abitazione. Tuttavia, per quanto sia bella e utile, la piscina richiede una manutenzione molto certosina.

Pulire la piscina: quando devo farlo?

Tutti i proprietari sanno come si pulisce e ogni quanto dovrebbe essere sottoposta a una bella depurazione. Coloro che invece l’hanno acquistata da poco o ci stanno pensando, devono sapere alcune cosette riguardo a questa operazione che deve essere conteggiata per conoscere i costi di un’installazione di una piscina a casa.

Anzitutto, la piscina andrebbe comunque pulita come minimo ogni giorno, mentre per la pulizia totale e completa possono passare anche 7 giorni. È importante che venga rastrellata ogni giorno, per togliere le foglie, o vari agenti esterni che ne possano compromettere il pH.




Oltre alla contaminazione, è possibile che si possano formare muffe. Come prevenire soprattutto quest’ultimo punto? Be’, grazie all’azione depurativa, manterremo sempre la nostra piscina al sicuro dalle muffe e dalle incrostazioni.

Infatti, non è solo la superficie della piscina soggetta a questo tipo di problemi, ma anche il fondo e i suoi materiali.

Perché è importante pulire la piscina ogni settimana?

Una piscina abbandonata a se stessa, che non viene mai pulita, è destinata a rovinarsi nel giro di pochissimo tempo. È molto importante che ogni settimana si eseguano le tre operazioni fondamentali per avere una piscina perfetta:

  • Skimming;
  • Spazzolare;

Ognuno di questi passaggi assicurerà alle rifiniture, all’acqua e al fondale di restare sempre pulito e preverrà la formazione di muffe. Certo, non è un lavoro di cinque minuti e richiede fatica, ma vi eviterete possibili danni futuri e risparmierete sulla manutenzione annuale.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.