Giardino, come si mantengono le piante grasse?


Giardino, come si mantengono le piante grasse?




Le piante grasse sono le predilette di chi non ha il pollice verde nel giardino. Perché? Be’, diciamo che non richiedono di particolare manutenzione e se dimenticate di irrigarla con l’acqua per un giorno non vi abbandonerà.

Oltre alla loro scarsa manutenzione, le piante grasse sono estaticamente molto belle e migliorano e completano il giardino infatti tra i consigli utili per un giardino casalingo bello e duraturo c’è proprio l’utilizzo di questo tipo di piante. Certo, un minimo di attenzione la richiedono comunque, e vi diciamo noi qual è il metodo migliore per prendersi cura di loro.

Come prendersi cura di una pianta grassa in giardino

Le possiamo ammirare soprattutto in ambienti dove la siccità è un problema costante. Le piante grasse sono comuni nel deserto, così come in Italia le troviamo soprattutto in Sicilia, dove in estate si registra una maggiore scarsità di acqua.

Proprio per la loro caratteristica di essere in grado di sopravvivere al sole, per la presenza di acqua al loro interno, la pianta grassa non prevede affatto di essere bagnata ogni giorno. Anzi, al contrario! Troppa acqua potrebbe rovinare del tutto la pianta. Il loro tessuto carnoso assorbe l’acqua che riceve ogni tanto e trattiene le sue proprietà, così da nutrire la pianta in modo lento.




Si crede erroneamente che questo genere di piante non fioriscano mai: in realtà, sono presenti diverse varietà che tra la primavera e l’autunno fanno sfoggio di sé con fiori dall’aspetto meraviglioso.

Fate attenzione agli infestanti

Come vedete, la manutenzione della pianta grassa è minima. Che preferiate la classica pianta o vogliate provare a coltivare le varianti coi fiori, dovete solo preoccuparvi degli sbalzi termici e di non irrigarla mai troppo spesso.

Ovviamente, controllate che non sia presa di mira dagli infestanti e tenete sempre sott’occhio la cura della vostra pianta grassa. Anche quest’ultime possono essere “abitate” da insetti, che causerebbero un crollo della loro salute e la perdita dei fiori e della forza.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.