Imu e Tasi multiproprietà: chi la deve pagare


Imu e Tasi multiproprietà: chi la deve pagare




La multiproprietà sta prendendo sempre più piede: che cos’è? Che cosa prevede? Spesso, alcune persone, soprattutto quando vorrebbero trasferirsi momentaneamente, oppure decidere la propria meta vacanziera, decidono di acquistare una casa per un lasso di tempo specifico.

Come funziona la multiproprietà e quali sono le sue caratteristiche?

Ciò significa diventare i proprietari per qualche settimana, mese o addirittura anni. In alcuni casi specifici, si può essere proprietari anche per tutta al vita.

Il costo di questa pratica è certamente importante, ma le spese rientrano in un periodo di tempo definito. Chi deve trasferirsi per lavoro per qualche mese o anno, conosce benissimo i prezzi degli affitti o degli hotel: quest’ultimo è un costo giornaliero, che potrebbe arrivare a una cifra spropositata.

Acquistare un immobile per qualche tempo, invece, ha dei vantaggi non indifferenti: possiamo usufruire di ogni sua parte, prendercene cura come se fosse nostro – e lo è in fin dei conti – e non sottometterci ad ulteriori regole di mercato.




Per l’acquisto di una multiproprietà, possiamo scegliere tra due quote: la prima è temporale, mentre la seconda prevede solamente una porzione di casa. Sono entrambe molto vantaggiose: ricordate comunque che in un lasso di tempo più lungo risparmierete sul totale investito.

Chi è che paga l’Imu e la Tasi durante la multiproprietà?

Questa pratica è ormai largamente diffusa: per questo motivo, è stato necessario fare delle leggi che ne regolassero l’aspetto pratico sotto ogni punto e che fossero molto chiare a riguardo.

Ovviamente, è lecito chiedersi a chi toccherà affrontare tutte le spese della proprietà, come l’Imu e la Tasi. La legge è piuttosto chiara a riguardo: tutte le spese sono effettuate dal soggetto che amministra il bene. Tuttavia, è previsto un conto comune tra l’amministratore della proprietà e chi vi abita in quel lasso di tempo. Le quote sono attribuite al singolo titolare dei diritti, con addebito nel rendiconto annuale.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.