Allarme caldo, come sopravvivere senza aria condizionata





In Italia il caldo impazza e i dati Istat che descrivono città sempre più torride con temperature medie annue aumentate di 1 grado rispetto al periodo 2002-2016 si confermano essere reali. Quest’anno ci sono stati dei picchi con temperature che sono arrivate a toccare i 43 gradi in molti capoluoghi italiani. Se non si è tra i fortunati a poter scappare in Antartide come combattere il caldo in casa con soluzioni green? 

Rinfrescare la casa in estate senza utilizzare l’aria condizionata? Si può! Per chi possiede un impianto di climatizzazione il segreto è accenderlo il meno possibile, risparmiando sui costi di alimentazione ed evitando i malesseri dovuti al freddo eccessivo  generato da un utilizzo esagerato e ad uno sbalzo termico notevole tra interno ed esterno.

Per chi invece non è provvisto di aria condizionata si può vivere in serenità tra le mura domestiche anche quando le temperature si fanno più torride. Come fare? Gli esperti di Habitissimo  propongono qualche soluzione green per sopravvivere al caldo.

Questione di abitudini

Il caldo mette voglia di rinfrescarsi aumentando la frequenza di docce. E’ importante  però sapere che il vapore e la condensa prodotta contribuiscono all’aumento della temperatura percepita in casa, il sollievo sarà quindi solo temporaneo. Si consiglia quindi lasciare questo piacere solo nelle ore più fresche, alla sera o alla mattina. Allo stesso modo se si ha l’abitudine di stendere il bucato in casa meglio non farlo nelle ore più calde, produrrebbe troppa umidità nell’aria.




Limitare le fonti di calore

Il fatto di non usare il forno nelle giornate più calde dovrebbe essere scontato, così come è sconveniente l’uso del phon. Più in generale tutte le apparecchiature elettriche e gli elettrodomestici se accesi producono calore che fa salire la temperatura all’interno della tua casa, parliamo in particolare degli schermi di grandi dimensioni, asciugatrici e sorgenti luminose. 

Tutto chiuso

Una tattica anti caldo molto usata da sempre nelle regioni calde del sud è limitare l’ingresso dell’aria esterna all’interno della casa. Quindi finestre sigillate, anche con tapparelle abbassate e persiane chiuse, soprattutto per le facciate più esposte al sole. Con l’aria entrerebbe anche l’umidità che si accompagna al calore e che rende le temperature alte più difficili da sopportare. Aerare solo quando le temperature esterne sono basse. Dall’interno per contrastare il caldo si può intervenire anche con i tendaggi, meglio se bianchi e pesanti per schermare meglio i raggi solari.

Correggere l’alimentazione

In estate cambia anche l’alimentazione. Consumare tanta frutta e verdura di stagione, per quanto possa sembrare banale, è un modo per rendere il caldo più sopportabile. Si tratta di cibi ricchi d’acqua che aiutano ad idratarsi correttamente e ad apportare tanti sali minerali nella dieta. Meglio preparare più piatti freschi e limitare al minimo indispensabile l’uso della cottura per produrre meno calore in cucina.

Al via tende e ombrelloni

Per creare un po’ d’ombra, se la casa lo consente si può agire dall’esterno introducendo dei sistemi per proteggersi dal sole. Ideale installare delle tende da sole o un ombrellone per ombreggiare balconi, terrazze o aree esterne in prossimità della tua casa, la loro presenza abbasserà di qualche grado la temperatura interna dell’abitazione.

Il ruolo delle piante

Se si ha il pollice verde un effetto simile al precedente lo si può ottenere anche con le piante utilizzandole per creare una sorta di schermatura. La vegetazione, infatti, ha naturalmente la capacità di assorbire il calore ed evitare che raggiunga la casa. Le piante più adatte sono quelle rampicanti o gli arbusti ricchi di foglie, più sono rigogliose più faranno ombra.

L’importanza dell’isolamento

Questi accorgimenti potrebbero rivelarsi poco efficaci se la casa ha un isolamento insufficiente. Il percepire troppo caldo in estate e troppo freddo in inverno sono i sintomi più lampanti di questo problema. A seconda dei casi occorre trovare la soluzione più giusta che potrebbe essere la realizzazione di una coibentazione mediante un cappotto esterno oppure la coibentazione del tetto.

Non perderti le offerte di oggi




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.