Libri scolastici, i mercatini di libri usati: un modo per risparmiare


Libri scolastici, i mercatini di libri usati: un modo per risparmiare




Con l’avvicinarsi dell’inizio del nuovo anno scolastico, tutti i genitori si devono preparare all’acquisto dei libri, della cancelleria, del corredo scolastico e tutte quelle spese volte a sostenere il percorso formativo dei loro figli.

Perché acquistare libri scolastici usati è una buona idea?

Il corredo scolastico, così come le relative spese scolastiche in generale, possono essere molto pesanti da affrontare. Il bilancio familiare, dunque, è messo a dura prova dalle molteplici spese. Quest’anno si calcola che spenderemo l’1,1% in più rispetto agli anni passati.

Diventa quasi necessario trovare un modo per risparmiare e cercare dei metodi alternativi per acquistare tutto il necessario. Per esempio, un ottimo modo è andare nei mercatini di libri dell’usato.

Sono sempre di più le famiglie italiane che hanno difficoltà a reperire il corredo scolastico per i propri figli: un singolo libro può arrivare a sfiorare gli 80,00 euro. A questo punto, rivolgersi ai mercatini dell’usato sembra un’ottima idea.




Certo, c’è da fare attenzione all’edizione del libro. Infatti, molti libri vengono riscritti – solo in parte – e venduti come “nuovi”. Prima di dirigervi al mercatino dell’usato, portate con voi il foglio delle edizioni dei libri e controllate sempre che sia la stessa.

Usate sempre la matita

Acquistare libri scolastici usati è una pratica ormai largamente diffusa. Dopotutto, i libri sono solo una parte delle spese scolastiche: c’è molto altro, come la cancelleria, i grembiuli per le elementari, lo zaino, il diario, l’astuccio… risparmiare è quasi “obbligatorio”.

Molti libri scolastici usati, inoltre, non sono eccessivamente pasticciati: spesso, sono proprio i genitori a consigliare ai figli di evitare evidenziatori e penne e di usare una più semplice matita. La matita si può cancellare con la gomma, in modo tale che gli esercizi svolti e le parti sottolineate possano essere tolti. Questo è un consiglio che diamo anche a voi, così potrete rivendere i libri ad anno scolastico finito.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.