Asilo nido privato, come sceglierlo se non si è stati ammessi al comunale?


Asilo nido privato, come sceglierlo se non si è stati ammessi al comunale?




Scegliere l’asilo nido può metterci in una posizione scomoda. Ci sono moltissimi aspetti da valutare e dei fattori che non possiamo ignorare. Molti genitori provano ogni anno ad accedere alla graduatoria degli asilo nido comunali, ma, purtroppo, non è sempre detto che ci si riesca.

Scegliere l’asilo nido privato: quali sono i fattori determinanti?

Dunque, diventa necessario studiare gli asili nido privati che ci sono nella città. Che cosa dobbiamo guardare? Quali sono gli aspetti che non possiamo sottovalutare?

L’asilo nido è un modo per crescere i nostri figli al meglio. Molti genitori, ormai, lavorano e non possono permettersi di affidare il proprio figlio a una baby sitter o a un parente. Inoltre, è stato dimostrato che l’asilo nido comincia a formare il bambino sin dalla tenera età.

Gli asili nido privati, infatti, mettono a disposizione dei dépliant in cui mostrano persino una sorta di “programma scolastico”. I vostri figli cominceranno ad affinare le proprie capacità intellettive e istaureranno i primi rapporti sociali con gli estranei alla famiglia.




I nostri consigli per scegliere al meglio

  • La distanza: quanto dista l’asilo da casa vostra? Non ignorate questo fattore, perché è uno tra i più importanti;
  • Il costo: ogni asilo nido ha un costo diverso, in base alla struttura e al programma che offre;
  • Il programma: che cosa è previsto che faranno i vostri piccoli durante l’anno? Chiedete sempre, informatevi e valutate in base a questo;
  • L’alimentazione: i vostri figli si fermeranno a pranzo nell’asilo nido. È un bene chiedere quale sarà, più o meno, il menù. Ovviamente, vi consigliamo di dire subito eventuali allergie o intolleranze, per un cambio di piano alimentare;
  • La fama: non è un fattore determinante, ma può aiutarci a comprendere se ci troviamo di fronte a un ottimo asilo nido, oppure se non ne vale la pena. Chiediamo in giro e informiamoci: come si sono trovati i genitori e, soprattutto, i più piccoli?




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.