Controllo fumi caldaia: quando va effettuato?


Controllo fumi caldaia: quando va effettuato?




Coloro che hanno una caldaia in casa sanno molto bene che periodicamente va controllata: manutenzione e revisione caldaia sono due fattori indispensabili. Se non revisionassimo la caldaia, incorreremmo in una sanzione penale da pagare. Infatti, il comune effettua periodicamente dei controlli, per assicurarsi che tutte le caldaie siano sempre a norma.

Quando e perché controllare i fumi della caldaia?

Inoltre, la revisione della caldaia ha dei vantaggi, tra i quali citiamo:

  • Il risparmio energetico;
  • Minore emissione di inquinamento;
  • Se tenuta bene, la caldaia durerà anche decenni.

Di seguito, riportiamo quanto scritto nella DPR n. 74/2013, che regola il controllo dei fumi della caldaia.

  • Gli impianti termici a combustibile liquido o solido con potenza inferiore o uguale a 100kW devono essere revisionati ogni due anni;
  • Gli impianti a gas metano o GPL con potenza inferiore o uguale a 100kW devono essere controllati ogni quattro anni;
  • Per quanto riguarda gli impianti termici a combustibile liquido o solido, che abbiano potenza superiore ai 100kW, vanno controllati annualmente;
  • Infine, per gli impianti a gas metano e GPL con potenza superiore a 100kW si procede con la revisione ogni due anni.

Inquinare di meno è possibile!

Scegliere la caldaia giusta ci consentirà di inquinare molto di meno. Le caldaie di ultima generazione sono dei modelli rifiniti in ogni dettaglio. Rispetto al passato, c’è molta più consapevolezza sull’inquinamento e ridurlo è il minimo che possiamo fare.




Per questo motivo, vi consigliamo di adoperare sempre una corretta manutenzione della vostra caldaia. Controllate che non vi siano perdite, siate sempre puntuali con la revisione dei fumi e, se potete e la vostra caldaia un vecchio modello, considerate di acquistarne una di ultima generazione.

Potrete inoltre farla detrarre nella dichiarazione dei redditi; lo Stato ha deciso di aiutare coloro che vorrebbero supportare l’ambiente e scegliere modelli che inquinano in misura molto minore.

 

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.