Dalla carta da parati ai metalli dorati: il benvenuto all’autunno a casa dei romani


Dalla carta da parati ai metalli dorati: il benvenuto all’autunno a casa dei romani




Per chi ha appena riposto i bagagli, per chi sfrutta gli ultimi weekend di settembre per rilassarsi sulle spiagge sempre meno affollate, per chi è rientrato a lavoro ma non vuole rassegnarsi alla fine dell’estate, la verità è una: l’autunno è alle porte. Come dargli il benvenuto in casa?

ProntoPro.it, il portale numero uno dei servizi in Italia, ha chiesto ai suoi migliori professionisti quali siano le tendenze e i must di questo autunno e quanto si spende in media a Roma per preparare la propria casa alla stagione in arrivo. 

Dalle pareti all’arredamento: idee e costi 

Colore, colore, colore

Per dare un tocco di novità alla casa spicca la tendenza a sostituire le pareti bianche con quelle colorate: donano profondità agli spazi, decorando con leggerezza gli ambienti. I preferiti dagli abitanti della capitale? I colori pastello e quelli neutri, in particolare il grigio. Ma per chi osa di più, la scelta ricade soprattutto sul colore dell’anno, l’ultra violet.

Sulla base dei preventivi raccolti da ProntoPro in questo periodo, è la tinteggiatura semplice la più richiesta dai romani. Ma quanto ha speso in media chi ha dato una rinfrescata le pareti? Per una soluzione minimal con vernice lavabile colorata occorrono circa 14 euro al metro quadro. E si può continuare a salire, fino ai 130 euro al metro quadro per un effetto stucco veneziano. Occhio ai costi: i materiali, lo spostamento dei mobili e la pulizia finale non sono sempre inclusi nei preventivi!




Carta da parati ovunque

La vera novità della stagione è però rappresentata dal ritorno delle carte da parati. I costi per la posa? Sulla base dei preventivi raccolti da ProntoPro, a Roma si spendono in media 25 euro al metro quadro. Ma anche il materiale utilizzato incide sulla spesa. Più economico e disponibile in una grande quantità di varianti, il materiale preferito da chi sceglie di tappezzare le pareti è la carta (40%); in seconda posizione il tessuto-non-tessuto (30%), soluzione particolarmente fotoresistente e durevole nel tempo. 

Questione di stile

Più spazio a tutto ciò che contribuisce a rendere la casa sempre più calda e accogliente: piante, tessuti avvolgenti e tappeti a pelo lungo e trame geometriche. E se le tendenze volgono verso lo stile scandinavo, a Roma sono numerosissime le richieste per il moderno (30%) e ancor più sono le richieste di preferisce affidarsi direttamente a un professionista per farsi consigliare lo stile più adatto. Anche il trend dei metalli è in ascesa, ma in modo particolare il bagno è il luogo della casa che vede il trionfo dei dettagli dorati per i rubinetti, gli specchi e gli accessori.

Un aiuto in più

Per i romani doc o di adozione che vogliono usufruire dei preziosi consigli di un interior designer per arredare casa, la spesa base si aggira mediamente intorno ai 340 euro per ogni stanza, 40 euro in più rispetto alla media nazionale. Ma i prezzi variano notevolmente in base alla complessità del progetto. Il compenso del professionista è calcolabile in forma percentuale, con un rincaro medio del 9% sul totale speso per il mobilio, o a forfait. Le richieste di consulenza più gettonate su ProntoPro sono legate ai monolocali, con preventivi che si aggirano mediamente sui 600 euro. Per i piccoli interventi, è possibile anche fare ricorso a una consulenza con tariffa oraria. I prezzi? A partire da 70 euro.

Una casa calda e sostenibile

Con l’autunno, si sa, le giornate si accorciano e il freddo si avvicina sempre più. Come prepararsi all’inverno, avendo sempre un occhio di riguardo anche all’ambiente? Per gli amanti della fiammella, la scelta ricade sulla stufa a pellet, che ha un costo medio di installazione di 2.600 euro. 120 euro sono invece necessari per la manutenzione della caldaia o, se si sceglie di acquistarne una nuova, bisogna mettere in conto una cifra media di 2.000 euro. 

Non solo costi: risparmi e bonus… ancora per poco!

Se l’installazione di una caldaia a condensazione in sostituzione ad una tradizionale comporta un risparmio sui consumi del gas intorno al 15%*, i vantaggi economici non si concludono qui.  Fino al 31 dicembre 2018 è ancora possibile usufruire dell’ecobonus. Le percentuali di detrazione variano dal 50% al 65%. Appartiene al primo gruppo l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A mentre, per l’installazione di una caldaia a condensazione di classe A+ con sistema di termoregolamentazione evoluto, si potrà beneficiare di  una detrazione pari al 65% della spesa sostenuta. Perché affrettarsi? Anche se non si sa ancora cosa conterà la legge di bilancio, è probabile che con il nuovo anno le percentuali verranno ridotte. Meglio non rischiare!

*per unità abitativa di circa 90 mq con produzione di acqua calda per 2/3 persone




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.