Chilometro 0: che cos’è e cosa significa


Chilometro 0: che cos’è e cosa significa




Ormai, non si sente parlare altro che del Chilometro 0. Ma cosa significa questo termine e quando è stato introdotto nel settore agroalimentare? Fino a qualche tempo fa, per km 0 intendevamo solo quelle auto usate che erano state “portate a nuovo”. Oggi, invece, con il termine km 0 ci si apre un ventaglio di possibilità che ci guida nell’acquisto di prodotti sempre freschi.

La coscienza del compratore si è sviluppata, soprattutto a causa del moderno riscaldamento globale. Quante volte abbiamo acquistato una melanzana a dicembre? O un pomodoro a gennaio? Tipicamente, i mesi di questi ortaggi sono l’estate, in cui crescono forti e senza ripercussioni sul tempo.

I vantaggi del Chilometro 0

La coltivazione intensiva di ortaggi e di frutta ha fatto sì che potessimo sempre avere a disposizione dei prodotti anche quando non ci trovavamo nella loro stagione di riferimento. Purtroppo, questi prodotti non hanno spesso né un buon sapore né un bell’aspetto. Sono tenuti nei congelatori e pertanto sono quasi sempre pieni di acqua, che assorbono nell’attesa di essere messi in vendita e acquistati.

Prima di tutto, bisogna essere coscienti di ciò che si mangia. È importante per la nostra salute e il nostro organismo. Ed è per questo motivo che il Chilometro 0 sta ricevendo sempre più consensi: il primo vantaggio è che sappiamo sempre cosa acquistiamo.




Il chilometro 0 si può acquistare presso gli agriturismi, i contadini e i coltivatori privati, magari nelle bancarelle lungo la strada. Sono persone che hanno deciso di puntare sui prodotti di stagione, sulla frutta e la verdura matura. Un altro degli svantaggi delle grosse distribuzioni è proprio questo: si tende a staccare il frutto dall’albero ancor prima che maturi, per evitare che si deteriori in fretta e che non venga venduto.

Affidarsi al chilometro 0 non è solo uno stile di vita, ma una scelta sensibile per noi e l’ambiente.




3 Trackbacks / Pingbacks

  1. Verdura e frutta a km 0: una garanzia di freschezza
  2. Perché preferire frutta e verdura a km 0?
  3. Verdure a km 0 coltivando un pezzo del giardino

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.