Verdura e frutta a km 0: una garanzia di freschezza


Verdura e frutta a km 0: una garanzia di freschezza




Immaginate di avere a vostra disposizione dei prodotti sempre freschi. Non ci riferiamo soltanto al pesce, per cui, magari, aspettiamo il venerdì per comprarlo. No, stiamo parlando della frutta e della verdura di stagione.

Oggi, siamo abituati a potere acquistare pomodori, melanzane e peperoni anche fuori stagione. Il problema è che gli ingredienti non sono freschi: il loro sapore non è autentico come quando vengono coltivati nel proprio periodo.

Come è cambiata la nostra alimentazione nel corso degli anni?

Questo può anche essere comodo per certi versi, ma per altri ha rovinato totalmente il nostro modo di mangiare. Nei tempi passati era normale che quando si rientrava a casa il ripiano della frutta e verdura cambiava a seconda della stagione e della stagionalità, come cambiavano i colori passando dall’inverno all’estate.

Quando si vedeva il rosso dei pomodori era l’inizio dell’estate: già nell’aria si sentiva il profumo delle verdure tipiche della stagione. La melanzana, poi, un ortaggio molto delicato, che veniva servita da giugno ad ottobre e stop. Il problema della verdura fuori stagione è che non ha soltanto un sapore diverso: non apporta il giusto carico vitaminico al nostro organismo e spesso cresce grazie a delle “forzature” poco naturali.




Senza contare che, per mantenerli più a lungo possibile, molti prodotti sono strappati dalla terra prima di essere del tutto maturi. Vengono tenuti nelle celle frigorifere, per essere venduti all’occasione. E, così, ci ritroviamo con delle verdure piene di acqua, che sanno di … plastica.

Il chilometro 0 è fondamentale

Per risolvere questo problema e mangiare solo frutta o verdura di stagione, dobbiamo ricorrere al km 0. Non è una moda: il biologico e il km 0 non è una tendenza da seguire, ma è uno stile di vita che deve essere mantenuto.

Grazie al chilometro 0, possiamo mangiare dei prodotti sempre freschi, spendendo anche di meno e comprandoli direttamente dal coltivatore. Sappiamo da chi lo prendiamo, conosciamo il suo nome e anche la tecnica di coltivazione. Non c’è nessun additivo, ma solamente la passione per coltivare prodotti genuini.

C’è solo il sapore di un tempo.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.