Ottobre: cosa piantare nell’orto casalingo


Ottobre: cosa piantare nell’orto casalingo




Ottobre è alle porte ed è lecito cominciare a chiedersi cosa piantare durante questo mese. Chi ha la fortuna di avere un giardino, può avere a disposizione verdura e frutta sempre fresca. Tuttavia, la prima cosa che dobbiamo sapere è che ogni pianta ha bisogno della sua stagione per crescere forte e al meglio, senza bisogno di additivi chimici, che ne rovinerebbero il sapore e l’apporto vitaminico.

Che cosa possiamo coltivare a ottobre?

Il calendario di settembre è quasi al termine: manca solo una settimana ad ottobre e siamo già nell’equinozio di autunno. Dobbiamo prestare molta attenzione anche alle temperature: sarà un autunno caldo? O cominceranno presto i primi freddi? Cosa prevede il calendario lunare 2018.

Nel dubbio, vi lasciamo la lista delle semine autunnali.

  • Spinaci;
  • Aglio;
  • Piselli;
  • Rucola;
  • Lattuga;
  • Carote;
  • Radicchio;
  • Bieta da coste;
  • Ravanelli;
  • Insalata grumolo;
  • Scalogno;
  • Cime di rapa;
  • Fave;
  • Cipolle;
  • Cicoria da taglio.

Cosa c’è da fare nell’orto a ottobre?

Come potete vedere, sono tutte verdure che non hanno bisogno di temperature molto alte per crescere forti. Riguardo alla semina, vi consigliamo di dividere in due l’orto. Da una parte, potrete mettere le verdure a ciclo breve, ovvero che coglierete prima dell’inverno. Le verdure sono: spinaci, rape, cime di rapa, broccoletti, ravanelli, insalate e barbabietole.




Vi consigliamo di cominciare a seminare, invece, le fave e i piselli dalla metà o dalla fine di ottobre. Ottobre è anche il mese delle cipolle e dell’aglio!

Per quanto riguarda i trapianti, sicuramente saranno pronti le biete, i cavoli, le cime di rapa, i porri invernali e i finocchi.

Ricordate che è sempre bene proteggere determinati ortaggi dalle gelate. Controllate sempre che alcuni siano ben protetti e che non siano presenti ristagni di acqua. Quest’ultimi in particolar modo rappresentano un pericolo per il raccolto. I ristagni fanno marcire le verdure e sono veicolo di insetti e di malattie.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.