Ridurre i consumi energetici grazie all’isolamento termico in casa


Ridurre i consumi energetici grazie all'isolamento termico in casa




Tutti sappiamo quanto consuma la nostra auto, ma solo in pochi saprebbero quantificare il consumo della propria abitazione. Secondo i dati ufficiali ENEA, In Italia la media  di consumo energetico si aggira attorno a valori compresi tra i 160 e i 230 kWh/m2 anno. La media europea è inferiore del 30% – 60%.

Gli esperti di Habitissimo sottolineano come una buona parte dell’energia che serve a riscaldare una  casa durante la stagione invernale, venga dispersa dalle pareti, dalla finestre e dal tetto. Per ridurre le dispersioni  di calore si possono eseguire degli interventi di isolamento termico, che se ben progettati possono farti risparmiare fino al 40% sulle spese di riscaldamento. Dal portale comunicano che le richieste di preventivo per questa categoria sono in aumento anno dopo anno ma sappiamo che il bel paese è ancora troppo indietro in termini di efficienza energetica.

Ma come progettare l’isolamento  di un’abitazione?

Se si sta pensando ad un intervento mirato ad aumentare l’isolamento termico dell’abitazione, aggiungere un cappotto, interno o esterno, in base alle diverse necessità, è sicuramente la soluzione migliore. Un isolamento di questo tipo si può integrare ad un edificio esistente o realizzare durante la costruzione dello stesso, ovviamente la cosa migliore è la seconda opzione, ossia considerarlo già durante la progettazione dell’edificio in modo da non fare lavori successivi, ma nulla vieta di farlo successivamente.  Se gli strati di isolamento sono posti all’esterno, non si ruba spazio all’interno e si può giocare sullo spessore desiderato per i pannelli. Se sono invece posti all’interno, sottraggono superficie abitabile, ma garantiscono comunque la loro funzione isolante, sono più economici e, se si vive in un condominio, si possono installare anche solo nel proprio appartamento, in tutta autonomia. In caso di ristrutturazione, da ricordare che installare un isolamento termico a cappotto, sia interno che esterno, rientra all’interno degli interventi di riqualificazione energetica che danno diritto alla detrazione fiscale del 65% dell’importo speso per i lavori. Almeno fino alla fine del 2018!

Serramenti

Per isolare una casa non esiste soltanto  il cappotto come soluzione. Tra le varie operazioni efficaci che si possono svolgere in un’abitazione per isolarla termicamente una è quella relativa all’installazione di serramenti a taglio termico. Tra i vantaggi di questa tipologia di serramenti troviamo la durata, la robustezza, la leggerezza, la poca manutenzione e l’ottima efficienza come conduzione termica. I serramenti a taglio termico offrono inoltre  la chance di disporre una stanza ben riscaldata pur in presenza di temperature esterne molto rigide.




Tetto e soffitto

Pur trattandosi tecnicamente di un cappotto, ma non di parete, la soluzione di isolare tra tetto e soffitto è molto consigliata dai professionisti del settore. Per potenziare l’isolamento si può intervenire sul fronte interno o esterno delle strutture. Ad esempio si possono applicare pannelli isolanti all’interno della casa sul fronte esterno strutturare un tetto caldo o un cosiddetto tetto freddo o ventilato. Chi dispone di soffitti alti può orientarsi verso la costruzione di controsoffitti per ridurre il volume dell’ambiente riscaldato e migliorare l’isolamento termico, avvantaggiandosi anche alla luce delle altre potenzialità isolanti (acustiche, idrorepellenti, ad esempio) dei vari modelli di pannelli in cartongesso.

Porte e finestre 

Quando si cercano soluzioni alternative ed efficaci per realizzare un isolamento per la casa, molti specialisti indicano strade piuttosto battute come quelle di tappare le fughe e le dispersioni installando i classici paraspifferi, specialmente sotto porte e finestre. Come sappiamo gli spifferi delle finestre e degli infissi in generale contribuiscono in maniera significativa ad un salutare ricambio dell’aria, ma devono avere una influenza minima nell’ambito della temperatura interna, altrimenti rischiano di influenzarla con dispersioni di calore. Se infatti le infiltrazioni sono eccessive il risultato è che si disperde calore con notevoli conseguenze.

Che materiali scegliere? 

Il sughero è un materiale estremamente indicato per l’isolamento termico. Viene utilizzato in forma granulata o in pannelli ed è completamente naturale e biocompatibile. Tra i vantaggi troviamo che non è soggetto a logorio né ad essere attaccato da insetti, quindi ha una durata particolarmente lunga, ed è quindi adatto ad ogni tipo di isolamento termico. Eppure ha anche degli svantaggi tra cui il costo elevato, e la debolezza all’umidità

Come alternativa la lana di roccia è un materiale che isola dal punto di vista termico, acustico e dal fuoco.

Può essere utilizzata sia per le pareti che per le coperture, ha un peso specifico basso ed un costo molto contenuto rispetto ad altri materiali isolanti, senza contare che è anche un ottimo isolante acustico ed è ottima dal punto di vista della sicurezza contro gli incendi.  In generale, la lana di roccia non presenta particolari svantaggi ed è quindi tra le soluzione di isolamento termico più utilizzate attualmente. 

Quanto costa e quali sono le tempistiche?

I prezzi pvariano in funzione di fattori come la qualità dei materiali, la durata del lavoro e le dimensioni. Secondo i dati forniti dai professionisti iscritti ad Habitissimo che hanno effettuato lavori di isolamento attraverso il portale il prezzo medio va dai 3.413 euro fino a un massimo di 10.000. Come tempistiche parliamo di circa una settimana di media di lavoro. Un investimento che però darà buoni frutti a medio e lungo termine.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.