Perché preferire frutta e verdura a km 0?


Perché preferire frutta e verdura a km 0?




Cucinare richiede creatività e inventiva. Tuttavia, anche gli ingredienti sono essenziali per la riuscita di un ottimo piatto. Quando andiamo al supermercato, abbiamo a disposizione talmente tanta frutta e tanta verdura da avere l’imbarazzo della scelta. Ma è normale? Dipende, infatti è bene preferire la verdura di stagione e con una tracciabilità chiara e quando è possibile acquistare verdura a km 0 è la cosa ideale.

Perché dobbiamo preferire la verdura e la frutta di stagione?

Fino a poco tempo fa, potevamo acquistare principalmente la frutta e la verdura di stagione. Ogni prodotto ha bisogno dei suoi tempi per crescere: prendiamo ad esempio la melanzana. È l’ortaggio estivo per eccellenza, come il pomodoro. Ma oggi possiamo cucinare una la pasta alla norma anche a dicembre.

Le conseguenze sono presto dette: la melanzana di dicembre non potrà mai avere lo stesso sapore e lo stesso odore della melanzana coltivata ad agosto. È importante fare questa distinzione, perché si è perso il senso della freschezza degli ingredienti. Perdere il sapore, il gusto, non è positivo, soprattutto in un ambiente come la cucina.

Gli ortaggi (così come anche la frutta) sanno spesso di plastica, sono macchiati per via del congelatore, vengono raccolti prima che siano maturati del tutto. Inoltre, vengono coltivati spesso con additivi chimici, per la distribuzione industriale.




Il kilometro 0 offre dei vantaggi non indifferenti!

Oltre a essere una scelta di gusto, puntare sulla frutta e sulla verdura a distribuzione km 0 è una scelta etica e responsabile. In questo modo, aiutiamo l’ambiente e le piccole realtà a sopravvivere. Per la melanzana, c’è sempre tempo: i mesi estivi sono perfetti per mangiarne a volontà.

Il km 0 è, per adesso, una piccola realtà in crescita: molti contadini hanno deciso di espandere la produzione, puntando solo sui prodotti di stagione. Era un rischio, per loro: tutti, alla fine, vogliono vendere tanto.

In realtà, è proprio grazie al km 0 che si tiene in piedi l’economia: le persone vogliono ingredienti freschi, che diano un apporto vitaminico sostanzioso.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.