Verdure a km 0 coltivando un pezzo del giardino


Verdure a km 0 coltivando un pezzo del giardino




Avete un giardino e vi piacerebbe usufruire di verdura a km 0? Coltivare la terra è sempre stato per noi fonte di vita e di risorse, sin dall’alba dei tempi. La coltivazione ha permesso alla nostra specie di sopravvivere e di cucinare dei piatti ricchi di vitamine.

È possibile coltivare la verdura nel proprio orto?

Oggi, ci basta uscire di casa e andare al supermercato per comprare tutta la frutta e la verdura che vogliamo. Ma è buona? Ha un apporto vitaminico sostanzioso? In realtà, dipende dalla stagionalità dell’ortaggio. È chiaro che comprare una melanzana a dicembre non avrà le stesse proprietà delle melanzane coltivate in agosto.

Coloro che hanno un giardino, possono decidere di farne un orto personale per avere sempre a disposizione degli ortaggi freschi e sposare di conseguenza la filosofia del km 0. In che cosa consiste? Quali sono le sue particolarità?

Il km 0 si è affermato soprattutto negli ultimi anni: la coscienza delle persone si è smossa anche a causa dei numeri elevati di inquinamento e il surriscaldamento globale. Quali ortaggi è possibile piantare nel nostro giardino? Quali sono i migliori?




Ecco quali ortaggi potrete coltivare!

  1. Il pomodoro;
  2. La lattuga;
  3. Zucchina;
  4. Ravanello;
  5. Prezzemolo;
  6. Peperone;
  7. Carota;
  8. Spinaci;

Ognuno di questo ortaggio ha bisogno di cure particolari. Per quanto siano anche i più facili da coltivare, dovrete seguire comunque delle cure: scegliere il migliore terriccio, il fertilizzante, calcolare la posizione del sole e le ore solari di cui hanno bisogno per crescere al meglio.

Inoltre, vi consigliamo di acquistare un libro che parli di verdure stagionali e che vi dia tutti i consigli necessari per coltivare le vostre verdure. Oltre ad essere più buone e ad essere un metodo economico, avrete la possibilità di avere verdure fresche e prive di agenti chimici.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.