Pellet, che cos’è e da dove deriva?


Pellet, che cos’è e da dove deriva?




Che cos’è il pellet? A cosa serve? Quali sono le sue caratteristiche più importanti? Con “Pellet” ci riferiamo ai cilindretti che si utilizzano in particolari stufe e che possiamo trovare in commercio nei sacchi da 15 kg a salire. Questo materiale si ottiene dagli scarti della lavorazione del legno, ed è considerato un materiale sostenibile per l’ambiente.

Perché preferire il pellet?

In poche parole, il pellet viene lavorato con un processo di compressione, grazie al quale possiamo ottenere i classici cilindretti. È un combustibile di biomassa compressa. Grazie alle sue proprietà, può essere utilizzato sia per il riscaldamento domestico, sia per il riscaldamento delle centrali termoelettriche.

Si ricava grazie all’impiego delle materie prime nei posti in cui è lecito prendere il legno: di questo si occupano i piani di gestione forestale, per prevenire ed evitare il disboscamento di intere foreste o boschi.

Una cosa molto importante è che la materia prima, ovvero il legno, non deve in alcun modo contenere delle colle, dei residui di vernice o agenti chimici, che potrebbero compromettere la funzionalità del pellet.




Quali sono i vantaggi dell’utilizzo del pellet per le stufe domestiche e residenziali?

Tutti i vantaggi del pellet: ecco quali sono!

Anzitutto, possiamo sicuramente considerarlo un prodotto a km 0, e questo è importantissimo. Per riscaldare la casa, spesso ricorriamo a metano o a gas: quest’ultimi ci vengono consegnati da paesi esteri. Costano molto di più e, cosa ben più importante del prezzo, inquinano maggiormente l’ambiente.

Inoltre, è essenziale sapere che per lavorare il pellet non è necessario abbattere ulteriori alberi, poiché questo materiale si ottiene dagli scarti del legno. Dunque, è sostenibile sotto ogni aspetto.

Viene anche considerato un materiale ecologico: servirsi di una stufa a pellet ci garantisce di emettere nell’aria CO2, ovvero l’anidride carbonica. Non emette, pertanto, delle sostanze nocive volte a peggiorare l’atmosfera, con il conseguente riscaldamento globale.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.