L’odore di Natale: i consigli per le profumazioni


L'odore di Natale: i consigli per le profumazioni




Può sembrare un ragionamento molto strano e privo di significato ma sono tante le persone che non attribuiscono al Natale un significato (oltre che spirituale, ovviamente) solo visivo, immaginando luci, abeti e decorazioni natalizie, ma ricordano nello specifico anche degli odori che ‘sanno’ di Natale. Sicuramente quindi riempire la casa con gli odori e i profumi che caratterizzano queste festività può essere una decisione giusta.

Le candele, gli oli e le creme di Natale

Ebbene sì, esistono anche prodotti di bellezza natalizi che possono essere sfoggiati proprio durante le feste. Si tratta più che altro di creme e bagnoschiuma, più facili da trovare nelle erboristerie, che richiamano i tipici odori delle feste: pino, abete, vischio, agrumi e odori dolci. Sono una buona idea soprattutto da utilizzare prima del cenone o per le grandi occasioni festive.

Per quanto riguarda l’odore di Natale in casa, la cosa più importante, bisogna puntare soprattutto sugli oli essenziali e sulle candele profumate. Nel caso di queste ultime, le più importanti marche mettono in vendita delle combinazioni di profumi natalizie (a riprova di quanto gli odori siano importanti per avere una casa a tema Natale!), ma possiamo realizzarne noi stessi. Scegliamo profumazioni invernali come cannella, mela, pino.

Il pot pourri delle profumazioni di Natale

Possiamo realizzare, come detto, in prima persona i profumi tipici. Scegliamo gli aromi che più di altri ricordano il Natale, come la cannella, i profumi invernali, gli agrumi e quelli che preferiamo. Mettiamo tutti gli ingredienti all’interno di una pentola capiente e poi portiamola in ebollizione.




Possiamo fare in modo che l’odore di Natale si diffonda all’interno della nostra abitazione oppure possiamo utilizzare uno scaldacera e dare vita in prima persona ad oli essenziali e candele profumate, personalizzandole. Ricordiamo che gli odori tipici possono essere leggeri (arancia, timo, mandarino, vaniglia) o un po’ più forti, come il pino, la cannella e le spezie.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.