Santo Stefano, come riutilizzare il cibo avanzato


Santo Stefano, come riutilizzare il cibo avanzato




Quante volte nella nostra vita abbiamo avuto a che fare con gli avanzi del cibo natalizi? Si sa, il Natale è il periodo in cui crepa l’avarizia e vince l’abbondanza! Le tavole sono imbastite con ogni ben di Dio e non ci può essere nulla di più buono e goloso.

Tuttavia, il giorno successivo ci si ritrova a Santo Stefano con il cibo pieno di avanzi. Che cosa fare? Conviene congelare, oppure dovremmo preparare qualche altra pietanza?

Anzitutto, dipende dal cibo che è avanzato. È chiaro che alcuni prodotti non possono essere cucinati nuovamente: inoltre, diventerebbero delle bombe caloriche non indifferenti. E in questo periodo dobbiamo prestare attenzione ai super condimenti. Potete congelare alcune pietanze, magari che sono avanzate in quantità maggiore.

Il resto può essere comodamente servito per il pranzo di Santo Stefano!




Il cibo avanzato del Natale: ecco come riutilizzarlo

Si comincia a mangiare alla Vigilia di Natale. E, di solito, gli avanzi degli antipasti della Vigilia finiscono sulla tavola del pranzo di Natale. Il giorno successivo, in occasione della festività di Santo Stefano, gli avanzi sono il cibo più consumato. Raramente ci si mette di nuovo ai fornelli, con il rischio di dovere avanzare altro cibo (che di solito rimane fino a Capodanno!).

L’ideale sarebbe rinunciare al menù di Santo Stefano e di riutilizzare il cibo avanzato dalla Vigilia e dal pranzo natalizio. In questo modo non dovrete spendere altri soldi né dovere trovare altre proposte succulente per rimpinzare i vostri invitati.

Se qualcosa avanzasse ancora, allora è il momento di utilizzare i sacchetti per congelare. Al massimo, la pasta avanzata potrete soffriggerla in padella e con gli avanzi dell’arrosto, il grande classico, potrete preparare dei panini da servire. L’importante è non sprecare il cibo, soprattutto in questi giorni di festa.

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.