Materassi: quanti tipi ci sono in commercio?


materasso in commercio




State per scegliere il materasso più adatto alle vostre esigenze? Avete bisogno di alcune informazioni aggiuntive sui tipi di materasso in commercio? Non preoccupatevi: abbiamo pensato di scrivere una piccola guida a riguardo.

Vi parleremo nello specifico di tre tipologie: a molle, in lattice e in schiuma di poliuterano. Questi sono i materassi più diffusi e offrono un modo di riposare molto diverso.

Tipologie di materassi esistenti: ecco quali sono e le carateristiche

  • Materassi a molle: per anni, questa tipologia di materasso ha dominato il mercato. Un prodotto cui la storia comincia più di 300 anni fa. Il primo brevetto per questa tipologia di materasso, infatti, fu depositato nel 1709. Tra le molle più diffuse, troviamo la molla Bonnell. Lo spessore dei materassi a molle, per essere di qualità, deve essere di circa 18-20 cm. È molto buono nel complesso, soprattutto quando offre caratteristiche più moderne, con attenzione alla cervicale e ai mal di schiena.
  • Materasso in lattice: più recente rispetto al materasso a molle, offre delle caratteristiche uniche nel suo genere. Il livelli di comfort offerto dal materasso in lattice è altissimo; citiamo anche il sostegno, un vantaggio non indifferente. È considerato molto elastico e soprattutto resistente nel tempo. Possiamo scegliere tra due tipi di materasso in lattice: con lattice naturale, una sostanza che troviamo nelle piante tropicali, o con lattice in sintesi, che viene prodotto in laboratorio.
  • Materasso in schiuma di poliuretano: un materasso di recente invenzione, noto anche con il termine di Memory Foam. Infatti, è stato realizzato grazie a un materiale che ha sperimentato la NASA per permettere agli astronauti di viaggiare comodi nello spazio. È uno dei materassi che offre le prestazioni più alte. La qualità è eccelsa e non si soffrono né mal di schiena né cervicale.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.