Spegnimento riscaldamenti: quello che c’è da sapere


Spegnimento riscaldamenti: quello che c’è da sapere




Il riscaldamento delle abitazioni, soprattutto in inverno è un argomento molto discusso, tanto  che esiste proprio una legge riguardo lo spegnimento  riscaldamenti, il tutto in base alla zona climatica a cui si appartiene.

In Italia il decreto 412 del 26 agosto 1993 prevede l’accensione a scaglioni degli impianti, ciò ha senza dubbio favorito maggiore ottimizzazione delle risorse energetiche ma anche un calo dei consumi da parte degli utenti.

Spegnimento riscaldamenti, ecco le date italiane

Come detto in precedenza ci sono delle date previste dalla legge italiana, sia per l’accensione che per lo spegnimento dei riscaldamenti. Un esempio può essere fatto con il nord della nostra Italia, dove le temperature sono sicuramente più basse rispetto a quelle del sud e quindi proprio per questo motivo i caloriferi si sono accesi già dal 15 ottobre mentre al sud ben un mese dopo.

Il paese è stato diviso in zone che ha quindi delle zone con un calendario termico da seguire, ogni fazione è indicata con una lettera dell’alfabeto che va dalla A alla F. Poiché stiamo andando incontro all’estate, di seguito saranno elencate le date dello spegnimento del riscaldamento.




Nella zona A lo spegnimento avverrà il 15 marzo, nella B e nella C il 31 marzo, nelle zone D ed E invece lo spegnimento riscaldamenti arriverà il 15 aprile. Nella zona F infine, non c’è nessun limite per i caloriferi.

Spegnimento riscaldamenti, un nuovo metodo di gestione

In sostanza si può dire che queste limitazioni sono allo stesso tempo una sorta di vantaggio in quanto
consente agli individui di risparmiare grazie allo spegnimento dei riscaldamenti, non solo energia ma
anche a livello climatico ed economico.

Per tutti coloro che non rispettano le regole, sono previste sanzioni che arrivano fino a 2065 euro. È
fortemente consigliato quindi informarsi e cercare di fare attenzione a non incorrere al mancato
spegnimento dei riscaldamenti.