Bollette mercato libero è obbligatorio il passaggio?


Bollette mercato libero è obbligatorio il passaggio




Bollette mercato libero è tassativo il passaggio? E’ ufficialmente slittata la data di passaggio completo al libero mercato dell’energia, non sarà durante quest’anno ma nel 2020, esattamente un anno dopo. A partire dalla nuova scadenza programmata per il prossimo anno nel corso del mese di luglio scomparirà per sempre il Servizio di Maggior Tutela, e tutti coloro che fanno parte del mercato tutelato saranno obbligati a scegliere un operatore qualunque, sia per quanto riguarda il gas che la luce, tra quelli logicamente presenti nel mercato libero ovviamente cercando quello che farà risparmiare sulla bolletta di casa.

Come avverrà il Passaggio Obbligatorio al Mercato Libero? Scopriamolo insieme

Attualmente nel nostro paese ci sono due mercati sia dell’energia che del gas: quello libero e quello tutelato. Nel 2020 quest’ultimo non ci sarà più, per questo tutti i clienti del tutelato dovranno obbligatoriamente fare il passaggio al mercato libero. Il servizio di maggior tutela, garantito da società apposite di vendita come il servizio elettrico, servizio elettrico Roma e via dicendo è nato, in via transitoria, per aiutare le famiglie e le piccole aziende che non erano in grado di sostenere un operatore nel mercato libero. Motivazione per la quale, una volta che è stata raggiunta la piena consapevolezza da parte del consumatore finale, il mercato tutelato non ci sarà più e i propri utenti dovranno man mano esaurirsi, anche grazie alle apposite disposizioni di legge in materia.

In tutto questo, il passaggio al mercato libero diventa tassativo per quanto concerne i consumatori in Maggior tutela: il vantaggio è che non ci sarà bisogno di aspettare il prossimo anno,  ma anzi è bene anticipare il tutto cosi da non arrivare con le mani in mano o nel peggior dei casi rischiare di trovarsi senza alcun operatore quando la fine del tutelato sarà concreta.

Come passare al Mercato Libero di Luce e Gas?

Per abbandonare una volta per tutte il mercato tutelato dovrete solamente effettuare la sottoscrizione di un nuovo contratto di fornitura con un operatore a vostra scelta del mercato libero. Sarà il nuovo gestore ad occuparsi di tutto – anche nella comunicazione all’attuale operatore del tutelato della riuscita disdetta del contratto in corso – e nel giro di un paio di settimane inizieranno ad arrivare le bollette a nome del nuovo fornitore. Per passare definitivamente al mercato libero dovrete selezionare l’offerta più low-cost e fornire di conseguenza i dati in fase di sottoscrizione del nuovo contratto, ovvero:




  • Dati anagrafici dell’intestatario della fornitura;
  • Codice POD per l’energia elettrica e codice PDR per il gas;
  • Indirizzo di fornitura e indirizzo di fatturazione se diverso dal primo;
  • Indirizzo email se scegli di ricevere le bollette tramite posta elettronica;
  • Se scegli un’offerta Internet servirà tassativamente l’IBAN per l’accredito automatico della bolletta su conto corrente.




1 Commento

  1. non ho capito quali saranno o sarebbero i vantaggi.. spiegato bene come e quando passare a questo nuovo sistema, ma non il perchè e quali effetti potrà produrre per l’economia delle famiglie. il solito biscotto?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.