Orto, con la bella stagione cosa piantiamo?


Orto, con la bella stagione cosa piantiamo




Cosa piantare con l’arrivo della bella stagione? Coltivare l’orto ormai con il passare del tempo è diventata una passione comune e condivisa da gran parte delle persone che ricercano prodotti buoni senza sostanze chimiche che rispecchiano la vera coltura a chilometro 0. Sono moltissime che adibiscono un fazzoletto di terra per produrre ortaggi sani fatti in casa, freschi e sicuri al 100%. Ogni tipo di ortaggio esistente, tuttavia, va coltivato rispettando rigorosamente la propria stagionalità. Vediamo insieme cosa piantare con l’arrivo del primo caldo e della bella stagione in generale.

La primavera in tavola dall’orto

Con l’arrivo del primo caldo e di una stagione eccezionale come la primavera, tutto tende a risvegliarsi. La natura riprende i suoi sensazionali colori e l’orto si riveste di frutti buonissimi. Insalata, ravanelli, carote, cornetti, fave, piselli, zucchine, fragole, prezzemolo un mix in grado di rallegrare il cuore di coloro che amano l’orto. Ma è anche il tempo di iniziare a piantare melanzane, pomodori, zucchine, cocomeri, basilico, erba cipollina, ravanelli e cetrioli.

Ortaggi estivi: i migliori

Coltivare un orto durante il periodo estivo è molto gradevole e soddisfacente per chiunque; qualunque tipo di pianta cresce e tende a svilupparsi sotto i raggi del sole, donando ortaggi estremamente colorati e dal sapore eccellente. Fagioli, zucchine, peperoni, meloni, melanzane, cetrioli e angurie sono il must di tutti in questa strepitosa stagione assolata e costantemente luminosa.

Le piante in questione adorano il caldo e temono, invece, le gelate che si presentano sia in autunno che in inverno. L’estate è anche la stagione più consona per qualche piantina, come la rucola, basilico, prezzemolo, valerianaella, ravanelli e cicoria. Durante la stagione estiva, infine, le piantine hanno bisogno di un regolare nutrimento.




Tenete sempre bene a mente: ad ogni pianta la propria stagione! Ogni pianta, per nascere al meglio, deve tassativamente seguire un ciclo biologico rispettando rigorosamente la stagione corretta; coltivare qualsiasi ortaggio fuori tempo, vuol dire obbligarli a crescere in periodi differenti dalla loro normale stagione, risultando più deboli e facile preda di parassiti e varie malattie.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.