Affitto casa, la cauzione come funziona e come si gestisce


Affitto casa, la cauzione come funziona e come si gestisce




Uno dei temi più caldi è l’affitto casa. La cauzione come funziona realmente? A seguire cercheremo di capirne di più in merito ai tipi di contratto di affitto e di come si stipulano.

Il nome che tutti conoscono non è proprio cauzione,  ma bensi’ caparra: parliamo semplicemente di una somma che l’inquilino versa al proprietario dell’appartamento alla stipula del contratto di affitto a garanzia dell’esatto adempimento delle sue future prestazioni.

L’obbligo entra in gioco solo ed esclusivamente se previsto nel contratto: non consegue dunque automaticamente dalla legge ma da una clausola apposita.

Come funziona la caparra nell’ affitto casa?

La cauzione serve per garantire il locatore che l’inquilino adempia perfettamente alle proprie obbligazioni di carattere pecuniario ovvero:

  • Il pagamento mensile del canone;
  • Il pagamento delle varie spese di ordinaria manutenzione;
  • Il pagamento delle spede condominiali – se presenti – e degli altri oneri accessori;
  • Risarcimento per eventuali danni arrecati alla struttura.

A quanto ammonta la caparra nell’affitto casa?

Per legge la caparra non può superare per alcuna ragione l’ammontare di 3 mensilità di canone. Durante la locazione non è previsto il pagamento di un’altra somma o di un aumento della stessa già versata precedentemente, neanche se è stato previsto un aumento dell’affitto in virtu’ di aggiornamenti Istat previsti dalla legge.

Restituzione della caparra

Una volta scaduto il contratto di affitto e solo con la restituzione effettiva delle chiavi della casa, il padrone di casa deve ridare la caparra all’inquilino ma solo se le condizioni dell’immobile sono perfette e abbia corrisposto tutti i canoni e/o le spese di condominio a lui addebitate.

Non pagare gli ultimi mesi per recuperare la cauzione

In prossimità della scadenza del contratto di locazione, l’inquilino non può, senza il permesso del locatore, evitare di pagare le ultime mensilità scomputandole dalla cauzione già versata. Questa somma infatti servirà, all’ultimo, per andare a compensare eventuali danni. Quindi, diversamente del pagamento anticipato di qualche mensilità del canone, il deposito cauzionale, non è mai utilizzato per coprire alcun pagamento mensile di affitto.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.